Icona ok L'articolo è stato aggiunto ai tuoi preferiti Icona chiudi ok
Iscriviti a Uwell per gestire la tua salute Registrati
back icon Torna agli articoli
Afte in bocca: rimedi e prevenzione con l’igiene orale
Profilo Salute Prenditi cura di chi ami

Non ricordi mai i dati medici di chi ami? Crea il loro profilo salute: conservi le info e le consulti quando serve

Le afte sono piccole ulcerazioni ovali o rotondeggianti che si formano all’interno del cavo orale, in particolare sulle gengive o sulla lingua; possono essere singole o multiple, a volte anche ricorrenti. Nella maggior parte dei casi la causa precisa della loro comparsa non è chiara, anche se i ricercatori fanno riferimento a malattie infiammatorie, reumatiche e del tessuto connettivo. Anche la familiarità, la predisposizione genetica, l’anemia, la carenza di vitamine del gruppo B e di vitamina C o di folati possono essere motivi di comparsa del problema, uniti allo stress e a deficit immunitari. Insieme ai fattori endocrini, anche le morsicature accidentali della lingua sono associate alla loro comparsa. Per le donne l’aftosi è probabilmente legata alla diminuzione dei livelli ormonali di progesterone nella fase post-ovulatoria del ciclo mestruale, mentre solitamente non si presenta in gravidanza. In ogni caso, nonostante molti studi scientifici abbiano tentato di identificare uno o più microrganismi tra le cause, si è scoperto che le afte non sono contagiose e non vengono trasmesse da un soggetto infetto a uno sano.

Qual è la cura per le afte?
Le afte sono molto fastidiose, tanto che si può arrivare a non mangiare per il bruciore o il dolore provati. La terapia per debellarle comprende antinfiammatori, cortisonici e anestetici da utilizzare localmente sulla lesione, ma sono utili anche i collutori e gli spray locali. I risciacqui dovrebbero durare alcuni minuti, per fare in modo che i principi curativi rimangano per lungo tempo a contatto con la superficie dell’afta. Alcuni medici consigliano inoltre l’utilizzo locale di antibiotici specifici capaci di anestetizzare il dolore e velocizzare la guarigione della piccola ulcera. Nei soggetti anemici, invece, integrare le vitamine del ferro mancanti potrebbe essere utile per evitare l’insorgere o il ripresentarsi del problema.

L’igiene orale, la migliore prevenzione
Curare l’igiene orale in modo costante rimane la migliore prevenzione. Nel caso ci siano dubbi sulla presenza o meno di afte, è sempre bene consultare il farmacista; è invece opportuno rivolgersi al medico se la lesione perdura da diversi giorni o si ripresenta nell’arco di alcuni mesi o di un anno, dopo essere stata correttamente curata. In quest’ultimo caso, a scopo preventivo, è utile effettuare una serie di esami che includa l’emocromo completo (globuli rossi, emoglobina, globuli bianchi e formula leucocitaria), gli indici infiammatori, il dosaggio delle vitamine del gruppo B, i folati, oltre che i test reumatici e per le malattie del tessuto connettivo.

Profilo Salute Prenditi cura di chi ami

Non ricordi mai i dati medici di chi ami? Crea il loro profilo salute: conservi le info e le consulti quando serve

Trova Farmacia
Trova farmacia Hai bisogno di una farmacia?

Ci pensa Uwell! Cerca le farmacie più vicine a te, ti indica gli orari, i servizi offerti e come arrivarci

Registrati a Uwell! Ogni giorno contenuti personalizzati per condurre una vita sana