Cerca
Back Torna agli articoli
Share Save
Il bruciore intimo: tipologie e rimedi

Il bruciore intimo è un sintomo frequente che comporta una sensazione urente legata a fenomeni infiammatori e/o irritativi locali che spesso non hanno rilevante significato clinico, ma quando persiste nel tempo o quando si manifesta con carattere intenso è necessario rivolgersi a un medico. È un disturbo molto fastidioso poiché coinvolge una zona del corpo molto sensibile. Il sintomo può colpire sia l’uomo che la donna ed è diversificato in base alle cause che lo comportano. Spesso non è un sintomo isolato, ma può essere accompagnato da: 

  • dolore isolato o dopo rapporti (dispareunia);
  • prurito;
  • per le donne, alterazioni del colore, aspetto e composizione delle secrezioni vaginali.

Tipi di bruciore intimo

Il sintomo principale del fenomeno è il bruciore o sensazione urente. Nella donna in base alla localizzazione del bruciore possiamo avere: 

  • bruciore intimo interno: è avvertito a livello dei genitali femminili interni (cervice, vagina o tratto urinario);
  • bruciore intimo esterno: è avvertito a livello dei genitali femminili esterni (vulva, grandi e piccole labbra).

Nell’uomo invece il fenomeno può essere: 

  • bruciore esterno (a carico del glande)
  • bruciore interno (a carico del tratto urinario).

Le cause del bruciore intimo

Le cause del bruciore intimo possono essere ricercate in: 

  • cause infettive
  • cause irritative
  • squilibri ormonali.

Il bruciore intimo da causa infettiva può essere legato a diversi agenti eziologici che potenzialmente possono causare delle infezioni diverse: 

  • infezioni batteriche
  • infezioni protozoarie
  • infezioni virali
  • micosi.

Le cause irritative possono essere ricondotte a irritazione chimica, meccanica, a fenomeni di ipersensibilità e a reazioni allergiche. Queste possono essere provocate da: 

  • detergenti intimi e lavande vaginali;
  • utilizzo di profilattici
  • tamponi vaginali
  • rapporti sessuali
  • utilizzo di indumenti intimi sintetici o troppo stretti
  • secchezza vaginale e scarsa lubrificazione durante il coito.

Un’ulteriore causa di bruciore intimo può essere uno squilibrio ormonale. Squilibri di questo tipo possono verificarsi durante la gravidanza oppure con l’avvicinarsi della menopausa, momenti della vita di una donna caratterizzati da profondi cambiamenti ormonali che possono alterare il microambiente vaginale. 

I rimedi contro il bruciore intimo

Il bruciore intimo, sia esso interno o esterno, accompagnato o meno da prurito, non può essere trattato empiricamente. È fondamentale riconoscere la causa che lo genera e trattarla in maniera mirata. Una volta individuata la causa, la cura o il rimedio tenderà a eliminare il fastidio. Nel caso il bruciore sia di natura infettiva, il medico individuerà l’agente eziologico responsabile e prescriverà o meno l’assunzione di farmaci specifici come antimicotici, antisettici, antibiotici e antinfiammatori. In linea generale, per prevenire e trattare il bruciore è importante adottare i seguenti consigli:

  • adottare una corretta igiene intima evitando di utilizzare detergenti e saponi troppo aggressivi;
  • cambiare spesso proteggi slip, assorbenti e tamponi interni;
  • evitare di utilizzare biancheria intima sintetica e preferire quella in cotone;
  • astenersi dai rapporti in caso di bruciore intenso

Fonti

Ultimo aggiornamento:06-07-2020

Ultimi articoli pubblicati