Icona ok L'articolo è stato aggiunto ai tuoi preferiti Icona chiudi ok
Iscriviti a Uwell per gestire la tua salute Registrati
back icon Torna agli articoli
Debolezza muscolare: come identificare i sintomi e combatterla

Capita a tutti di provare debolezza fisica, ad esempio durante una convalescenza, o dolore e stanchezza alle gambe dopo una lunga corsa, ma se questi sintomi persistono o non sono legati a cause specifiche, possono essere il segnale di un problema di salute.

Cosa si intende per debolezza muscolare?
In molti dicono di sentirsi “deboli”, ma la debolezza muscolare non deve essere confusa con la rigidità articolare, i dolori muscolari o la stanchezza cronica e diffusa. Per debolezza muscolare si intende infatti la perdita di forza dei muscoli: nonostante lo sforzo, infatti, la contrazione muscolare o il movimento non avvengono come dovrebbero.

Come si contraggono i muscoli
Quando si muove un muscolo volontario (vengono definiti in questo modo i muscoli che si contraggono per nostra volontà, come ad esempio quelli che ci permettono di muovere le gambe e le braccia), un impulso elettrico parte dal cervello e viaggia all’interno del midollo spinale e dei nervi per raggiungere le fibre muscolari. La terminazione nervosa rilascia poi delle sostanze, i neurotrasmettitori, che provocano reazioni chimiche in grado di far contrarre il muscolo. Se lungo questo percorso si presenta un problema, il muscolo non si contrae in maniera corretta e potrebbe dare il via allo sviluppo di debolezza muscolare.

Cause della debolezza muscolare
La debolezza muscolare è dovuta alla comparsa di un “intoppo” nel percorso neuromotorio sopra descritto, che può presentarsi a diversi livelli: cervello, midollo spinale, nervi, muscoli e le connessioni fra loro. Si parla di debolezza focale quando questa interessa solo alcuni muscoli e di debolezza generalizzata quando coinvolge tutti muscoli del corpo.

Tra le cause della debolezza generalizzata troviamo la perdita del tessuto muscolare (ad esempio per inattività), problemi muscolari (come quelli determinati da bassi livelli di potassio) e danni ai nervi.

La debolezza in muscoli specifici, invece, può essere provocata da ictus (la causa più comune), compressione di un nervo, ernia o rottura del disco, pressione sul midollo spinale o sclerosi multipla.

La stanchezza muscolare può essere dovuta anche alla carenza di alcuni elementi fondamentali:

  • calcio – un apporto insufficiente può provocare crampi;
  • magnesio o glucosio – bassi livelli provocano nervosismo e irritabilità;
  • vitamine del gruppo B.

Le manifestazioni della debolezza muscolare e i campanelli d’allarme a cui fare attenzione
La debolezza muscolare può verificarsi improvvisamente o gradualmente e i sintomi variano a seconda dei muscoli colpiti. Per esempio, se la debolezza va ad attaccare i muscoli responsabili della respirazione, si può avere difficoltà a respirare, se invece interessa i muscoli oculari, si può vedere doppio. Spesso la tipica sensazione di debolezza è accompagnata da alterazioni della sensibilità e, a volte, da tremore.

In caso di debolezza muscolare, specialmente senza cause apparenti e/o in peggioramento, è consigliabile rivolgersi al medico. Durante la visita, il dottore valuterà attentamente la situazione, si concentrerà su muscoli e sistema nervoso e prescriverà esami per approfondire gravità e cause. Esistono però alcuni campanelli d’allarme che devono spingerci a cercare immediatamente assistenza medica, come una debolezza che diventa intensa in poco tempo, oppure la perdita della capacità di camminare o una difficoltà nel respirare, masticare, parlare o sollevare la testa da sdraiati.

Combattere la debolezza muscolare: una terapia diversa a seconda della causa
In linea di massima, non esiste una terapia generale per la debolezza muscolare ma si deve intervenire sulla causa sottostante. In base al problema che provoca debolezza, la terapia può variare notevolmente: in caso di carenza di minerali, ad esempio, la semplice assunzione di integratori è sufficiente per controllare il sintomo, se invece la debolezza di un muscolo è una delle conseguenze di un’ernia del disco, può risolversi con l’intervento chirurgico. Indipendentemente dalla causa, però, la fisioterapia può sempre aiutare a recuperare e migliorare la forza muscolare. Esercizio fisico, dieta equilibrata e buon sonno restano comunque i migliori alleati per prevenire danni e mantenere cervello, midollo, nervi e muscoli in salute.

Fonti

  • Saguil, A., Evaluation of the Patient with Muscle Weakness, Am Fam Physician., volume 71, issue 7, pages 1327-1336, 2005.

Ultimo aggiornamento 25-10-2019
Armadietto medicinali
Armadietto dei medicinali Sai che farmaci hai a casa?

Salvali nel tuo armadietto digitale: controlli i foglietti illustrativi e vieni avvisato quando stanno per scadere

Registrati a Uwell! Ogni giorno contenuti personalizzati per condurre una vita sana