Icona ok L'articolo è stato aggiunto ai tuoi preferiti Icona chiudi ok
Iscriviti a Uwell per gestire la tua salute Registrati
back icon Torna agli articoli
Il menarca: come gestire il primo ciclo mestruale
Armadietto medicinali
Armadietto dei medicinali Sai che farmaci hai a casa?

Salvali nel tuo armadietto digitale: controlli i foglietti illustrativi e vieni avvisato quando stanno per scadere

Menarca è il termine medico con il quale si indica la comparsa del primo ciclo mestruale nella donna. È un importante momento della vita biologica di ogni ragazza, che sancisce l’inizio dell’età fertile e della pubertà e dà il via a una serie di cambiamenti fisici legati a questa fase della vita. 

L’età, i sintomi, precocità e ritardi
Negli ultimi 50 anni l’età del primo ciclo si è progressivamente abbassata, presentandosi in media intorno agli 11-13 anni, ma non sono rari i casi in cui si manifesta a 10-11 anni. Molti sono i fattori che possono influenzare l’arrivo del primo ciclo mestruale. Uno di questi è riconducibile all’alimentazione. È noto che il peso eccessivo può far manifestare un menarca precoce o, al contrario, che ragazze sottopeso o impegnate in un’attività sportiva agonistica potrebbero avere le prime mestruazioni in ritardo rispetto alle coetanee. Generalmente il periodo di avvicinamento al menarca inizia con alcuni tipici cambiamenti fisici, come la crescita dei peli ascellari e pubici; inoltre, qualche mese prima del primo flusso, possono verificarsi delle perdite vaginali biancastre. Dolori addominali e sbalzi di umore legati ai cambiamenti ormonali possono essere presenti, ma non sempre.

Problemi legati al menarca
Una certa irregolarità nell’arrivo dei primi flussi è piuttosto comune. È comunque buona norma iniziare a sensibilizzare le ragazze sulla corretta gestione di questo periodo: dall’utilizzo degli assorbenti igienici ai potenziali problemi legati a tensione mammaria, dolori addominali e perdite vaginali, che potrebbero essere molto variabili. 

Le mestruazioni dolorose
I primi cicli e soprattutto i primi giorni del ciclo sono spesso accompagnati da un dolore crampiforme nel basso ventre, che non è attribuibile a cause specifiche, e da sintomi vari, tra cui abbondante sudorazione, cefalea, nausea, vomito e diarrea. In generale, soprattutto in questa prima fase, il dolore può essere controllato attraverso farmaci antinfiammatori non steroidei. Studi clinici suggeriscono che l’attività fisica può essere efficace per il trattamento della dismenorrea primaria. Anche la dieta può avere un effetto benefico: un abbondante consumo di frutta e verdura può aiutare ad alleviare il dolore.

Il ruolo dei genitori: niente tabù
I profondi cambiamenti fisici che le future donne vivono in questa fase della vita necessitano di una preparazione culturale ed educativa già a partire dalla tenera età. Parlare liberamente di fertilità maschile e femminile, modulando le parole in base all’età dei propri figli, è importante per prevenire disagi legati all’ingresso nella pubertà. La comunicazione in famiglia è senz’altro da preferire rispetto all'auto informazione sul web.

Come vivere serenamente il primo ciclo in famiglia
I giorni in cui si presenterà il menarca potrebbero essere vissuti con spavento e molti dubbi da parte delle ragazze. Il sostegno dei genitori o della mamma aiuterà a comprendere l’importanza di questa trasformazione. Dare consigli, raccontare la propria esperienza permette di crea complicità e trasmette sicurezza alle ragazze, in modo che esse vivano questa fase biologica come un normale passaggio della vita di ogni donna.

Armadietto medicinali
Armadietto dei medicinali Sai che farmaci hai a casa?

Salvali nel tuo armadietto digitale: controlli i foglietti illustrativi e vieni avvisato quando stanno per scadere

Prenditi cura di chi ami
Profilo Salute Prenditi cura di chi ami

Non ricordi mai i dati medici di chi ami? Crea il loro profilo salute: conservi le info e le consulti quando serve

Registrati a Uwell! Ogni giorno contenuti personalizzati per condurre una vita sana