Icona ok L'articolo è stato aggiunto ai tuoi preferiti Icona chiudi ok
Iscriviti a Uwell per gestire la tua salute Registrati
back icon Torna agli articoli
Onicofagia: cause e rimedi per smettere di mangiarsi le unghie
Prenditi cura di chi ami
Profilo Salute Prenditi cura di chi ami

Non ricordi mai i dati medici di chi ami? Crea il loro profilo salute: conservi le info e le consulti quando serve

Onicofagia è il termine scientifico per indicare una patologia con cui tutti abbiamo avuto a che fare almeno una volta nella vita. Quella di mangiarsi le unghie, la pellicina che le ricopre (cuticola) e il tessuto molle circostante è infatti una cattiva abitudine molto diffusa, che si può presentare a partire dai tre-quattro anni di età, con un picco di incidenza durante l’adolescenza. Sebbene tenda a scomparire in età adulta, molti fattori, soprattutto psicologici, possono portare alla ricomparsa periodica o cronica di questo vizio, il cui impatto sociale peraltro non è trascurabile, soprattutto nella sfera professionale dove la mancata cura delle mani può causare imbarazzo e tensione.

Ansia e stress tra le cause più frequenti
Il legame tra stress e onicofagia è stato osservato in numerosi studi sulla popolazione. Le mani, come i capelli e la pelle, sono un facile bersaglio del meccanismo compulsivo di compensazione nervosa che mettiamo involontariamente in atto. L’onicofagia, così come attorcigliare i capelli tra le dita, pizzicare o grattare frequentemente la pelle in alcune parti del corpo, è considerata un gesto compensativo di scarico della tensione che impariamo a mettere in atto fin da piccoli. Secondo alcuni studiosi, questi gesti compulsivi avrebbero l’obiettivo di liberare a livello cerebrale alcune sostanze neuro-modulanti dall’azione calmante come la serotonina e la dopamina.

Danni ai denti e infezioni: i rischi più comuni
Gli incisivi sono i primi a subire le conseguenze di questa abitudine che, in tempi relativamente brevi, può provocare l’erosione o il disallineamento della dentatura. Il danno immediatamente successivo avviene a carico dell’articolazione mandibolare, con la malocclusione delle arcate dentali. Molto frequenti tra gli onicofagici sono poi le infezioni orali o dell’unghia, come le onicomicosi, dovute alla diffusione batterica tra l’unghia e il cavo orale. La lingua e le labbra sono i bersagli primari dei batteri ingeriti, mentre le lesioni subite dalla cheratina dell’unghia aprono la strada a piccole infezioni da funghi.

Come smettere di mangiarsi le unghie: terapie comportamentali
La riduzione dei fattori stressanti esterni o il superamento di un periodo difficile a volte è sufficiente a smettere di mangiarsi le unghie. Nei casi di abitudine transitoria o lieve si è rivelata efficace anche la masticazione di chewingum, che tengono “occupata” la bocca. Quando però la tentazione di mangiarsi le unghie persiste, si può optare per una terapia comportamentale, ad esempio puntando sull’attività fisica all’aria aperta o su uno sport che associ lo sforzo fisico all’impegno mentale. La banale tecnica di applicare una soluzione dal sapore sgradevole o uno smalto anti-onicofagia per non mangiarsi le unghie si è dimostrata invece inefficace; soprattutto in età adolescenziale è un rimedio che non riscuote molto successo. Al contrario, una valida alternativa è l’applicazione di olio d’oliva sulle unghie: questo processo ammorbidisce la cheratina, rendendo meno gradevole il sapore del morso. Per finire, una buona manicure, se fatta con regolarità, oltre a migliorare l’aspetto e l’igiene personale ha il beneficio di prevenire le infezioni e rappresenta un altro modo per combattere l’onicofagia.

Prenditi cura di chi ami
Profilo Salute Prenditi cura di chi ami

Non ricordi mai i dati medici di chi ami? Crea il loro profilo salute: conservi le info e le consulti quando serve

Cerca medico
Prenota online visita Hai bisogno di uno specialista?

Cerca lo specialista che ti serve e prenota online la tua visita

Registrati a Uwell! Ogni giorno contenuti personalizzati per condurre una vita sana