Icona ok L'articolo è stato aggiunto ai tuoi preferiti Icona chiudi ok
Iscriviti a Uwell per gestire la tua salute Registrati
back icon Torna agli articoli
Pillola anticoncezionale per l'acne e la salute dei capelli

La “pillola” non è solo un metodo contraccettivo ma presenta numerosi effetti terapeutici: vediamo tutti i benefici della pillola anticoncezionale per l’acne e per la salute dei capelli.

Che cos’è la pillola anticoncezionale e a che cosa serve
Quella che comunemente viene chiamata “pillola” è un farmaco contraccettivo orale (cioè da assumere per bocca) che si presenta sotto forma di compresse. Molte sono le formulazioni esistenti con dosaggi differenti, anche se – nella maggior parte dei casi – è costituita da due tipi di ormoni, estrogeno e progesterone, simili agli ormoni prodotti naturalmente dalla donna, che regolano tutta l’attività dell’apparato genitale femminile. La sua efficacia anticoncezionale è molto elevata grazie ai meccanismi d’azione che mette in atto:

  • impedisce l’ovulazione attraverso il blocco della sintesi di due ormoni, FSH e LH, prodotti dall’ipofisi, una piccola ghiandola alla base del cervello: inibendo questi ormoni, non permette la maturazione del follicolo e la produzione e il rilascio dell’ovulo maturo;
  • agisce sul collo dell’utero, rendendo il muco del canale cervicale, che dà accesso all’utero, più denso e impenetrabile agli spermatozoi;
  • agisce indirettamente sull’endometrio, la mucosa dell’utero, assottigliandolo e bloccando le modificazioni utili per l’impianto dell’ovulo fecondato.

Oltre al suo ruolo anticoncezionale, la pillola ha tanti altri benefici, primo tra tutti quello sull’irregolarità mestruale. I disordini del ciclo rappresentano uno dei disturbi più frequenti della donna in età fertile e la pillola viene spesso prescritta per i suoi effetti benefici, sia nelle donne che presentano un ciclo mestruale lungo (oligomenorrea), sia in quelle con un ciclo corto (polimenorrea). Uno dei benefici extracontraccettivi più noti e bene accettati dalle donne, infatti, è proprio quello della regolarizzazione del ritmo mestruale.  Inoltre, la pillola contraccettiva risulta essere molto efficace nelle donne con un flusso mestruale particolarmente abbondante (ipermenorrea): in genere, i farmaci estroprogestinici tendono a ridurre la quantità di flusso, ma a volte la riduzione è veramente cospicua, fino alla quasi assenza del flusso (amenorrea). Se questa condizione crea disagio e genera ansie o dubbi, si può modulare correttamente la terapia estroprogestinica, scegliendo dosaggi ormonali lievemente più alti in modo da evitare questo effetto.

La pillola anticoncezionale e l’acne: quali sono i benefici?
La pelle seborroica rappresenta uno dei disturbi cutanei più comuni e molte delle persone tra i 12 e i 25 anni sono destinate a presentare manifestazioni di acne di vario grado e intensità, che possono interferire con la qualità di vita e con le relazioni interpersonali. In moltissimi casi, l'utilizzo di una pillola con un'associazione di estrogeni e progestinici, che possiedono una spiccata attività anti-androgenica (cioè con effetto neutralizzante per le pur minime quantità di ormoni maschili presenti nel corpo delle donne), rappresenta la terapia di scelta per l'acne con una documentata riduzione (anche di oltre l'80%) della sintomatologia acneica: ciò si traduce in un notevole beneficio sulla qualità di vita e di relazione delle giovani donne che ne sono affette. Questo tipo di pillola migliora la cute impura riducendo la presenza di comedoni, papule e pustole e la dimensione dei pori mediamente già dopo tre-sei cicli di terapia. Alcuni derivati del progesterone, nuovi per il nostro paese, sono utilizzati in Francia e Germania da oltre 20 anni nella terapia ormonale. Gli studi dimostrano che questi nuovi derivati possiedono un'attività antiandrogenica intensa, poiché aumentando le proteine che legano gli ormoni sessuali circolanti nel sangue (SHBG) e inibendo l’enzima che converte il testosterone nel più potente 5 alfa-diidrotestosterone, esercitano di fatto un'azione antagonista periferica. Anche chi è affetto da psoriasi può assumere la pillola: infatti l’estroprogestinico non ha alcun effetto negativo sulla malattia, ed è inoltre necessario come contraccettivo durante la terapia per questo disturbo. Infatti, queste pazienti a volte assumono farmaci controindicati in gravidanza e quindi una eventuale ricerca di prole deve essere programmata e la terapia adattata di conseguenza.

I benefici della pillola anticoncezionale sulla salute dei capelli
La produzione di sebo, cioè di grasso, da parte delle ghiandole sebacee è molto intensa soprattutto tra le persone giovani, e può presentarsi sia in condizioni fisiologiche (come la pubertà), sia patologiche, legate per esempio a disturbi metabolici, nonché a fattori ereditari e ambientali. Le zone più colpite dalla seborrea sono generalmente le parti centrali del viso e il cuoio capelluto, perché più ricche di ghiandole sebacee. Tra le manifestazioni tipiche della seborrea, c'è anche la forfora grassa. La pillola contraccettiva può essere utile a combattere tale disturbo, sfruttando il medesimo effetto che ha contro l’acne seborroica. La scelta della pillola in questi casi, soprattutto nelle giovani donne, è particolarmente importante perché deve tenere conto di un quadro clinico complesso, che oltre alla seborrea presenta spesso uno sviluppo eccessivo di peluria o la comparsa di alopecia androgenetica, anche in forma lieve. L'uso di una pillola con effetto anti-androgenico (neutralizzante, cioè, le pur minime quantità di ormoni maschili che si producono anche nella donna) può rappresentare una scelta risolutiva. Il trattamento infatti riduce in modo significativo nel giro di alcuni cicli la seborrea del cuoio capelluto e della cute frontale, proteggendo anche i capelli dall'eccessiva caduta.

Fonti

Ultimo aggiornamento 27-11-2019

Registrati a Uwell! Ogni giorno contenuti personalizzati per condurre una vita sana