Icona ok L'articolo è stato aggiunto ai tuoi preferiti Icona chiudi ok
back icon Torna agli articoli
Articolo su disturbi del sonno, possibili cause e rimedi

Il motivo esatto per cui abbiamo bisogno di dormire non è ben conosciuto: diverse ricerche hanno proposto delle ipotesi, nessuna delle quali risulta oggi totalmente convincente. Tutti sanno quanto sia difficile affrontare una giornata dopo che si è passata una notte in bianco, come dimostrano le occhiaie pronunciate e il cervello annebbiato di chi ha problemi a dormire. Parliamo di disturbi del sonno anche quando questi non possono essere definiti come insonnia nel senso stretto del termine. Nell’insieme di questi problemi rientrano la difficoltà a prender sonno una volta a letto, un sonno interrotto più volte e l’incapacità di dormire un numero sufficiente di ore per notte.

In generale, questi disturbi tendono a diventare più gravi con l’età e colpiscono di più le donne. Quando il problema comincia a diventare così rilevante da complicare la vita diurna è il momento di rivolgersi al proprio medico di famiglia.

Una volta escluse cause organiche che possono comprendere difficoltà di vario tipo (ad esempio problemi respiratori o gastrici) il medico proporrà prima di tutto di verificare le abitudini che possono portare a disturbi del sonno, come l'assumere troppa caffeina e impegnarsi in attività fisiche molto intense nel tardo pomeriggio. Anche esporre dopocena gli occhi alla luce di pc, smartphone e tablet non fa bene al sonno: la loro luminosità può infatti trarre in inganno il cervello e convincerlo che sia ancora giorno. Se anche cambiando i propri comportamenti i disturbi dovessero rimanere, esistono soluzioni farmacologiche che però presentano non pochi effetti collaterali.

Registrati a Uwell! Puoi ricevere ogni giorno contenuti personalizzati per imparare a condurre una vita sana e vivere meglio