Cerca
Back Torna agli articoli
Share
Alopecia da stress: cause e trattamento

Le problematiche psicologiche della cosiddetta alopecia da stress sono molte e si intrecciano con le vicende della vita del paziente; oggi sappiamo che condizioni di tipo reattivo-emozionale espresse sotto forma di alterazioni dell’irrorazione sanguigna hanno un ruolo importante nel determinare l’insorgenza di questa patologia, ma anche nel condizionarne il decorso.

Le cause dell’alopecia da stress

Situazioni di sofferenza psicologica, poiché comportano una modificazione dell’assetto biologico dell’organismo, rendendolo più sensibile e fragile, possono favorire l’insorgenza di patologie organiche.
Lo stress, se persistente, agisce in modo subdolo logorando le funzioni biologiche fino a raggiungere un punto di rottura in cui l’organismo diventa particolarmente vulnerabile allo sviluppo di patologie come l’alopecia. Ciascun individuo riesce infatti a tollerare condizioni di stress entro un certo limite, variabile da persona a persona, superato il quale entra nell’area di rischio psicosomatico. Molti studi dimostrano inoltre come l’alopecia sia correlata a profili di personalità di tipo immaturo, caratterizzati da ansia, rigidità emotiva, difficoltà a comprendere ed esprimere le proprie emozioni, nonché ad avere buone relazioni con il mondo esterno. È stato inoltre evidenziato che nella storia di pazienti con alopecia ricorrono eventi come la morte o la separazione dei genitori, la perdita della casa, condizioni di abbandono (soprattutto se avvenute in età infantile), esperienze relazionali e affettive insoddisfacenti.
In molti casi, ci si trova di fronte a una struttura di personalità fragile, immatura e con scarsa autostima, che tende a reagire in modo eccessivo agli eventi della vita.
Rispetto al decorso dell’alopecia, questi stessi fattori possono favorire l’insorgenza di disturbi ansioso-depressivi con ripercussioni negative sulla prognosi e sull’aderenza alle cure.
Lo sviluppo dell’alopecia può infatti avere notevoli ripercussioni sull’autostima del paziente, poiché influisce negativamente sull’immagine di sé e della propria identità: la persona inizia a cedere, a entrare in crisi, ad avere difficoltà relazionali. Si possono così avere difficoltà nella vita sociale e lavorativa, nonché nei rapporti con l’altro sesso, poiché i capelli rappresentano un potente elemento di attrazione sessuale.

Trattamento dell’alopecia da stress

Dal punto di vista terapeutico, il ricorso ai farmaci deve essere riservato ai casi in cui si sviluppa un vero disturbo psichico, come un quadro ansioso o depressivo. Nella maggior parte dei casi, è indicato il ricorso a un trattamento psicologico mirato a favorire lo sviluppo di strategie che consentono al soggetto di affrontare la patologia con strumenti psicologici adeguati. Si è visto infatti che, quando il paziente segue un percorso psicologico, la sua capacità di accettare la patologia e di reagire in modo appropriato, migliora. L’obiettivo fondamentale delle suddette strategie rimane quello di rafforzare l’autostima del paziente e la sua capacità di affrontare le situazioni di stress con minore dispendio di energie; in questo è importante poter incidere sul suo stile di vita e sui fattori di vulnerabilità psicologica che lo rendono più fragile.
Tali modalità di intervento, attuate fin dal momento della diagnosi, rafforzano la fiducia nell’intervento dello specialista e consentono di gestire il quadro clinico con maggiore efficacia.

Fonti

  • Pellegrino F, Uzzauto MT, Ansia e patologie dermatologiche, Airon Edizioni, Milano, 2004.

  • Pellegrino F, Disturbi psichici e patologie fisiche, Mediserve, Napoli, 2008.

Ultimo aggiornamento:17-03-2021

Ultimi articoli pubblicati