Icona ok L'articolo è stato aggiunto ai tuoi preferiti Icona chiudi ok
back icon Torna agli articoli
Artrosi del ginocchio - Donna che massaggia il proprio ginocchio

Definizione

L’artrosi è la malattia articolare di gran lunga più frequente, una delle cause principali di invalidità nella popolazione, principalmente tra gli anziani. Al contrario di quanto ritenuto in passato, l’artrosi non colpisce esclusivamente la cartilagine (il tessuto elastico che riveste le estremità delle ossa e le protegge), ma tutte le strutture che, nel loro complesso, formano l’articolazione, quindi anche la capsula articolare, l’osso, i legamenti e i muscoli.

È una condizione correlata innanzitutto all’età: dopo i 65 anni, infatti, il 50% dei soggetti presenta artrosi, percentuale che sale all’80% dopo i 75 anni; il sesso femminile è colpito due volte di più rispetto al sesso maschile.

Sebbene non possa essere considerata una conseguenza inevitabile del processo di invecchiamento, le modificazioni muscolo-scheletriche che si instaurano con l’avanzare dell’età aumentano il rischio di artrosi quando sono presenti altri fattori di rischio, tra cui traumi articolari, sovraccarico, instabilità articolari, alcune tipologie di lavoro (in cui viene mantenuta per lunghi periodi una postura non corretta o un’articolazione è sottoposta a stress eccessivo) e il sovrappeso o l’obesità, cui si aggiunge una componente ereditaria/genetica.

Il ginocchio, una delle sedi più colpite dal processo artrosico, è costituito dall’articolazione femoro-rotulea e dall’articolazione femoro-tibiale: entrambe possono essere colpite da artrosi, sebbene sia il coinvolgimento della seconda a limitare maggiormente la funzione del ginocchio. Nell’artrosi del ginocchio (gonartrosi) non di rado si assiste a una compromissione della capacità di deambulazione, con un netto peggioramento della qualità di vita di chi ne è affetto.

 

Sintomi

I sintomi di artrosi del ginocchio in fase iniziale differiscono da soggetto a soggetto e non è evento raro che a un rilievo radiografico di artrosi non si associ alcun sintomo evidente di malattia; solitamente, tuttavia, si assiste alla comparsa di dolore (gonalgia) e rigidità dell’articolazione colpita.

Il dolore articolare è uno dei sintomi principali, si manifesta con l’uso dell’articolazione e scompare o si riduce quando l’articolazione è messa a riposo; solo nei casi più gravi il dolore è sempre presente, mentre spesso peggiora a fine giornata. Alcune attività specifiche, come scendere le scale, accovacciarsi e guidare (premere e rilasciare i pedali) possono risvegliare il dolore in corso di artrosi del ginocchio.

Spesso è presente una zoppia di fuga, un meccanismo protettivo in cui il malato tende a caricare poco sull’arto che fa male, accorciando la fase di appoggio; la zoppia è inoltre la conseguenza della progressiva flessione del ginocchio che, non potendosi più estendere completamente, rende difficile la deambulazione. Accanto al dolore è presente rigidità dell’articolazione dopo immobilità (di solito di breve durata [meno di mezz’ora], al contrario di quanto si verifica nell’artrite reumatoide, in cui la rigidità, tipicamente mattutina, può persistere per più di un’ora), accompagnata da senso di insicurezza e cedimento articolare, limitazione funzionale (ossia limitazione delle capacità di movimento dell’articolazione), versamento articolare e rumore all’esecuzione dei movimenti.

 

Registrati a Uwell! Puoi ricevere ogni giorno contenuti personalizzati per imparare a condurre una vita sana e vivere meglio