Icona ok L'articolo è stato aggiunto ai tuoi preferiti Icona chiudi ok
Iscriviti a Uwell per gestire la tua salute Registrati
back icon Torna agli articoli
La colite: cause, trattamento e prevenzione

La colite, conosciuta anche come sindrome del colon irritabile o IBS, è una patologia che causa l’infiammazione del colon; è un disturbo in aumento e a livello globale e colpisce circa il 20% della popolazione a livello mondiale. In alcuni pazienti si presenta per un breve periodo, mentre in altri può essere più invasiva e degenerare in altre malattie croniche invalidanti.

Le cause e i sintomi della colite
Le cause della colite possono essere di vario tipo:

  • infezioni e danni ischemici a carico del colon; soprattutto i secondi danno origine a un ridotto apporto di sangue e infiammano il colon, provocando la colite ischemica;
  • stress e ansia incidono sulla salute dell’intestino e provocano alterata motilità e l’infiammazione del colon (colite nervosa). In questo caso, i sintomi sono spesso improvvisi e intensi. Spesso si parla di intestino come di un secondo cervello, perché i due organi sono connessi da una comunicazione a due vie: uno può influenzare l’altro con segnali chimici e nervosi.

A differenza delle cause, che possono variare, i sintomi della colite sono sempre gli stessi: crampi, dolori addominali, gonfiore, stipsi o diarrea, febbre, aria nello stomaco, sangue nelle feci. Se l’infiammazione del colon è persistente, può determinare lesioni e malattie croniche, come la malattia di Chron o la colite ulcerosa, con ripercussioni molto serie sulla qualità della vita. Oggi sicuramente c’è una maggior consapevolezza di questa malattia rispetto al passato e il gastroenterologo, con esami come la colonscopia e la diagnostica per immagini, può individuarla in modo tempestivo.

La cura: una strategia multipla
Il trattamento specifico per la colite varia in base alla causa, ma l’approccio comune è quello di trattare i sintomi con una strategia multipla. In primo luogo è da tenere sotto controllo lo stress, anche tramite esercizi mirati e un supporto psicologico, che aiutino ad attenuare i sintomi e alleviare il dolore.
Recenti studi hanno poi evidenziato il ruolo cruciale del microbiota intestinale nella colite: spesso infatti la malattia si associa a disbiosi, un alterato equilibrio della flora intestinale. Le ricerche scientifiche si sono focalizzate sulla modifica e il potenziamento di questa “difesa” naturale per prevenire e trattare la malattia. In quest’ottica, i probiotici possono essere utili nel proteggere e ristabilire la normale flora batterica e ridurre l’infiammazione. Anche i farmaci sono un elemento importante nel trattamento della patologia. Spesso il medico consiglia integratori di fibre o lassativi (nel caso si abbia costipazione), oppure medicine che riducono la diarrea. In alcuni casi potrebbe prescrivere anche antinfiammatori e antispastici.

Alimentazione per ridurre la colite
Il medico in molto casi potrà suggerire di modificare l’alimentazione, per permettere all’intestino infiammato di recuperare lo stato di salute e funzionare meglio. Inoltre, fare piccoli pasti, senza abbuffarsi, evita l’ingerimento di aria e facilita la digestione. Non esiste una dieta precisa valida per tutti i pazienti: la sensibilità e la tolleranza verso i cibi varia molto da persona a persona e non ci sono degli alimenti vietati in senso assoluto, anche se gli alcolici e le pietanze molto speziate sono il più possibile da evitare, mentre le fibre e i liquidi sono da integrare in maniera costante. Tenere un diario alimentare può aiutare a individuare quali piatti eliminare e quali tenere. Esistono infine alcuni rimedi naturali che aiutano a combattere i sintomi: alcuni semi (ad esempio di finocchio e anice) riducono l’aria nell’intestino, mentre le tisane a base di erbe possono combattere la stipsi o la diarrea. L’ultimo consiglio, da non trascurare, è di svolgere attività fisica in modo costante.

 

Fonti

  • Molodecky N.A., Increasing Incidence and Prevalence of the Inflammatory Bowel Diseases With Time, Based on Systematic Review, Gastroenterology, volume 142, issue 1, pages 46 –54, 2012.
    https://doi.org/10.1053/j.gastro.2011.10.001
  • Kim, M. et al., Critical Role for the Microbiota in CX 3 CR1 + Intestinal Mononuclear Phagocyte Regulation of Intestinal T Cell Responses, Immunity, volume 49, issue 1, pages 151-163.e5, 2018.
    https://doi.org/10.1016/j.immuni.2018.05.009
  • Zhu, W. et al., Precision editing of the gut microbiota ameliorates colitis, Nature 553, pages 208–211, 2018.

Prenditi cura di chi ami
Profilo Salute Prenditi cura di chi ami

Non ricordi mai i dati medici di chi ami? Crea il loro profilo salute: conservi le info e le consulti quando serve

Registrati a Uwell! Ogni giorno contenuti personalizzati per condurre una vita sana