Icona ok L'articolo è stato aggiunto ai tuoi preferiti Icona chiudi ok
Iscriviti a Uwell per gestire la tua salute Registrati
back icon Torna agli articoli
Colon irritabile in estate: si può attenuare durante l'estate?

La sindrome del colon irritabile, anche detta colite spastica o “intestino irritabile”, è un disturbo molto frequente, che arriva a colpire più del 10% della popolazione dei paesi sviluppati. Fa parte dello spettro dei disturbi funzionali gastroenterologici, ovvero di quelle patologie in cui vi è un’alterazione delle funzioni motorie e sensitive dell’intestino, senza che vi sia un danno anatomico evidente. È una patologia a decorso assolutamente benigno, che non porta con sé alcun rischio grave per la salute ma può impattare negativamente sulla qualità della vita ed essere motivo di frequenti visite e accertamenti medici.

Quali sono i sintomi del colon irritabile
I sintomi tipici del colon irritabile, che consentono di effettuare la diagnosi, sono:

  • dolore addominale: di solito localizzato al centro dell’addome, vicino all’ombelico, ma può essere anche diffuso; può essere di intensità variabile, da una modesta sensazione di gonfiore, a spasmi, a vere e proprie coliche addominali. Tipicamente migliora con la defecazione;
  • variazione della frequenza dell’alvo: quindi stipsi (o stitichezza) o diarrea.

Meteorismo, sensazione di pancia gonfia, difficoltà nella digestione (“dispepsia”) e flatulenze sono, invece, altri sintomi di accompagnamento che sono di solito presenti in maniera variabile.

Le cause del colon irritabile
Si ritiene che l’origine di questo disturbo sia multifattoriale. In quanto disturbo funzionale, non esistono delle lesioni organiche che si possono evidenziare con esami strumentali, come ad esempio la colonscopia o l’ecografia. Contrariamente a quanto si possa pensare, infatti, nell’intestino irritabile il colon non è propriamente infiammato, come accade in altre patologie organiche come la colite ulcerosa o la malattia di Crohn. Vi è però un’alterazione in quella che viene definita sensibilità viscerale, ovvero la percezione degli stimoli provenienti dall’intestino, soprattutto legati alla quantità di gas presente nel lume; questa sensibilità pare sia aumentata, per motivi sconosciuti, nei soggetti affetti dal colon irritabile. È noto poi che esistono fattori che possono peggiorarne la sintomatologia, tra cui lo stress emotivo o psicologico, la dieta e le alterazioni del microbiota intestinale, nota comunemente come flora batterica.

Quali sono i possibili rimedi per la sindrome del colon irritabile?
Visti i molti fattori coinvolti nella patogenesi e nell’esacerbazione dei sintomi, non esiste un unico approccio che possa risultare efficace per tutti i casi di colon irritabile: pur essendo un disturbo sulla carta benigno, spesso il percorso per arrivare a un buon controllo del problema può essere lungo e laborioso. I farmaci sintomatici, come antispastici e antidolorifici, possono essere sicuramente d’aiuto nei momenti acuti; ma un approccio più completo dovrebbe abbracciare i diversi aspetti della vita di ogni giorno: un’attività fisica regolare è utile sia per aiutare l’intestino a “mettersi in moto”, sia per scaricare le tensioni accumulate durante la giornata. L’intestino è, infatti, uno degli organi principe della somatizzazione e, frequentemente, ansie e tensioni relative alla sfera emotiva o psichica si riversano su quest’organo. Anche la dieta riveste un ruolo fondamentale nella sindrome del colon irritabile: questa dovrebbe comprendere un consumo adeguato di acqua e fibre per favorire la regolarità intestinale, evitando però quelle facilmente fermentabili, come ad esempio i legumi, cavoli, funghi, cipolle, prugne, anguria, ecc. Infine, la modulazione della flora batterica intestinale (o microbiota) può essere un aiuto ulteriore e determinante nella gestione del colon irritabile.

Colon irritabile in estate: un aiuto dal sole
La sindrome del colon irritabile è caratterizzata dall’alternanza tra periodi di benessere e momenti di riacutizzazione dei sintomi; tuttavia, in letteratura non è mai stata provata una vera e propria stagionalità nelle riacutizzazioni. Spesso le crisi sono scatenate da fattori emotivi o stressogeni, ma anche da cambiamenti improvvisi nella dieta o nella routine quotidiana. Uno studio inglese del 2015 condotto da Tazzyman e colleghi, ha dimostrato come nei soggetti affetti dal colon irritabile sia frequente un deficit di vitamina D. Questa vitamina, importantissima per il metabolismo osseo ma non solo, è prodotta grazie all’esposizione ai raggi solari. Gli autori dello studio ipotizzano che, teoricamente, un aumento della vitamina D, tramite supplementazione o grazie a un aumento dell’esposizione al sole, potrebbe giovare sulla sintomatologia del colon irritabile. Tuttavia, sono necessari ulteriori studi per confermare questa ipotesi.

In definitiva, l’estate è potenzialmente una stagione positiva per chi soffre di colon irritabile: l’effetto del bel tempo e dei giorni di ferie sull’umore, combinato potenzialmente con l’aumento della vitamina D dato dalla maggiore esposizione al sole, dovrebbero giocare a favore.

Fonti

  • Sleisenger and Fordtran's Gastrointestinal and Liver Disease, 10thEdition.

  • Talley, N. J., Boyce, P., Owen, B. K., Psychological distress and seasonal symptom changes in irritable bowel syndrome, Am. J. Gastroenterol. 90, issue 12, pages 2115–9, 1995.

    https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/8540498

  • Tazzyman, S., et al., Vitamin D associates with improved quality of life in participants with irritable bowel syndrome: Outcomes from a pilot trial, BMJ Open Gastroenterol., volume 2, issue 1, 2015.

    https://doi.org/10.1136/bmjgast-2015-000052

  • Qin, H. Y., et al., Impact of psychological stress on irritable bowel syndrome, World Journal of Gastroenterology 20, issue 39, pages 14126–14131, 2014.

    https://doi.org/10.3748/wjg.v20.i39.14126

Ultimo aggiornamento 28-10-2019
Armadietto medicinali
Armadietto dei medicinali Sai che farmaci hai a casa?

Salvali nel tuo armadietto digitale: controlli i foglietti illustrativi e vieni avvisato quando stanno per scadere

Registrati a Uwell! Ogni giorno contenuti personalizzati per condurre una vita sana