Icona ok L'articolo è stato aggiunto ai tuoi preferiti Icona chiudi ok
Iscriviti a Uwell per gestire la tua salute Registrati
back icon Torna agli articoli
Pancia gonfia: cause, alimentazione e probiotici in aiuto

Il gonfiore addominale dopo i pasti colpisce fino a una persona su tre ed è particolarmente comune nelle donne. Ecco qualche consiglio utile su come tenerlo a bada.

Le possibili cause della pancia gonfia
Il gonfiore addominale è un problema conosciuto da molte persone e porta a volte alla necessità, a un certo punto della giornata, di allentare la gonna o i pantaloni pur di riuscire a respirare. Si tratta di una condizione frequente, comune soprattutto nelle donne, in quanto spesso correlata alle variazioni del ciclo ormonale. Le cause possono essere svariate e sono normalmente correlate a processi digestivi, quali l’eccessiva fermentazione delle fibre da parte dei batteri residenti nel nostro tratto intestinale o l’assenza o scarsa efficienza degli enzimi deputati alla digestione di particolari sostanze, come la lattasi.

Cosa mangiare per combattere la pancia gonfia
Sebbene questa sintomatologia sia molto frequente e risulti spesso complicato inquadrarne una causa specifica, esiste una serie di accorgimenti che si possono mettere in atto per riuscire a contrastarne gli effetti, a partire dalla cura dell’alimentazione. Poiché una delle cause di questa sintomatologia è l’eccessiva fermentazione delle fibre che raggiungono il nostro intestino, selezionare meglio le fibre nella nostra dieta può essere d’aiuto. In particolare sono le fibre lunghe a essere più frequentemente responsabili dei processi di fermentazione che portano alla comparsa di gonfiore. Queste fibre si trovano soprattutto nelle verdure a foglia larga come la lattuga, il cavolfiore o i legumi. Ciò spiega perché, spesso, il gonfiore appare proprio dopo aver consumato un bel piatto di insalata. Una soluzione può essere il prediligere verdure a foglia piccola, che hanno una tendenza minore a fermentare, come ad esempio la rucola o il radicchio. Si può rivelare utile anche tritare e/o frullare legumi e ortaggi, per assicurarsi di ridurre questo effetto. Se da un lato possiamo cambiare il tipo di ortaggi per migliorare la situazione, dall’altro dobbiamo eliminare una serie di cattive abitudini che possono causare il gonfiore: bibite gassate, gomma da masticare, frutta dopo i pasti, pranzi “mordi e fuggi”.

Probiotici e prebiotici contro la pancia gonfia
Un altro buon consiglio riguarda i probiotici: visto che sono i batteri dell’intestino a causare la fermentazione, modularne la quantità e la qualità con un buon probiotico può certamente aiutare. In particolare alcuni tipi di probiotici, come il Bifidobaterium animalis subs. lactis (BB-12®) o il Lactobacillus acidophilus DSM 13241 (LA-5 DSM 13241) si sono dimostrati in grado di migliorare in maniera significativa la comparsa di questi sintomi. Allo stesso modo utilizzare dei prebiotici, ingredienti che agiscono modulando la popolazione batterica intestinale, può sicuramente aiutare con questa sintomatologia.

Prenditi cura di chi ami
Profilo Salute Prenditi cura di chi ami

Non ricordi mai i dati medici di chi ami? Crea il loro profilo salute: conservi le info e le consulti quando serve

Registrati a Uwell! Ogni giorno contenuti personalizzati per condurre una vita sana