Icona ok L'articolo è stato aggiunto ai tuoi preferiti Icona chiudi ok
Iscriviti a Uwell per gestire la tua salute Registrati
back icon Torna agli articoli
Come leggere le etichette alimentari in poche mosse
Profilo Salute Prenditi cura di chi ami

Non ricordi mai i dati medici di chi ami? Crea il loro profilo salute: conservi le info e le consulti quando serve

Fornisce informazioni trasparenti sui prodotti e tutela i consumatori, ai sensi del regolamento 1169/2011 dell’Unione Europea: l’etichetta alimentare è la “carta d’identità” degli alimenti che acquistiamo e una guida importante per scegliere meglio. Per questo, quando facciamo la spesa, dovremmo sempre dedicare qualche secondo del nostro tempo nel leggerla: ecco come.

Le etichette alimentari dei prodotti confezionati e non
Nel caso di prodotti confezionati le informazioni fornite sull’imballaggio o sul contenitore dell’alimento devono essere leggibili e l’etichettatura deve contenere precise indicazioni:

  • la sede e l’indirizzo dello stabilimento di produzione o l’importatore;
  • le condizioni di conservazione e d’uso dopo l’apertura della confezione;
  • la data di scadenza (“da consumare entro il…”) o il termine minimo di conservazione in caso di alimenti che possano essere conservati più a lungo (“da consumarsi preferibilmente entro il…”);
  • l’indicazione di origine per le carni fresche;
  • l’etichetta nutrizionale, sotto forma di tabella, che deve obbligatoriamente indicare il contenuto calorico, di grassi e acidi grassi saturi, di carboidrati e zuccheri, di proteine e di sale, espressi per 100 g o 100 ml di prodotto, oppure per porzione;
  • l’elenco degli ingredienti, con le sostanze che sono state impiegate per produrre il prodotto, in ordine decrescente di peso. In particolare, devono essere evidenziate la tipologia di grassi utilizzata (per esempio: olio di palma, grassi idrogenati) e l’eventuale presenza di allergeni.

Anche le indicazioni nutrizionali e sulla salute (claims) possono essere apposte dal produttore sulle etichette degli alimenti per valorizzare i propri prodotti: devono essere veritiere, basate su dati scientifici e non possono attribuire all’alimento la proprietà di prevenire o curare le malattie. Le indicazioni “senza zuccheri aggiunti” o “contiene naturalmente zuccheri”, che si trovano spesso sulle confezioni, sono due esempi di indicazione nutrizionale. Un esempio di indicazione sulla salute è, invece, “il calcio è necessario per il mantenimento di ossa normali”.

A dettare regole per i prodotti non preimballati è invece il DL n.231/2017, entrato in vigore a maggio 2018, che ha reso obbligatoria l’indicazione della presenza di prodotti o sostanze che possano provocare allergie o intolleranze. Per una rapida lettura dell’etichetta nutrizionale, ecco alcuni punti ai quali prestare attenzione:

  • le calorie per porzione e il numero di porzioni;
  • i grassi per porzione;
  • la presenza di fibre o altri micronutrienti, come vitamine e minerali;
  • il contenuto di grassi saturi, grassi trans, colesterolo e sale: è meglio limitarne l’apporto.

Seguendo queste semplici indicazioni è quindi possibile essere più consapevoli della qualità e delle proprietà degli alimenti che acquistiamo al supermercato e portiamo quotidianamente a tavola.

 

Profilo Salute Prenditi cura di chi ami

Non ricordi mai i dati medici di chi ami? Crea il loro profilo salute: conservi le info e le consulti quando serve

Trova Farmacia
Trova farmacia Hai bisogno di una farmacia?

Ci pensa Uwell! Cerca le farmacie più vicine a te, ti indica gli orari, i servizi offerti e come arrivarci

Registrati a Uwell! Ogni giorno contenuti personalizzati per condurre una vita sana