Icona ok L'articolo è stato aggiunto ai tuoi preferiti Icona chiudi ok
Iscriviti a Uwell per gestire la tua salute Registrati
back icon Torna agli articoli
Rimedi naturali per il bruciore di stomaco
Prenditi cura di chi ami
Profilo Salute Prenditi cura di chi ami

Non ricordi mai i dati medici di chi ami? Crea il loro profilo salute: conservi le info e le consulti quando serve

La pirosi gastrica è quella fastidiosa sensazione di bruciore a livello dello stomaco che può verificarsi saltuariamente o comparire più spesso. Questa sensazione di “fuoco interno” può rimanere localizzata a livello dello stomaco, ma possono anche associarsi altri sintomi, come:

  • risalita della sensazione di bruciore dietro lo sterno, fino a causare la tosse, alterazione della voce, o percezione di un sapore acido nella bocca, in caso di reflusso gastroesofageo;
  • dolore allo stomaco, sensazione di gonfiore di stomaco, di pesantezza, nausea, in caso di masticazione troppo rapida e di cattiva digestione.

Tutta colpa dello stomaco?
Lo stomaco partecipa attivamente ai processi digestivi secernendo acido cloridrico ed enzimi e promuovendo, attraverso la contrazione delle sue pareti, la frammentazione del cibo e il suo mescolamento con il succo gastico. Durante i pasti, i boli di cibo raggiungono e riempiono lo stomaco passando attraverso lo sfintere esofageo inferiore, la cui funzione è di impedire la risalita del contenuto acido dello stomaco nell’esofago.
A sua volta, lo stomaco si autoprotegge dall’acidità del suo contenuto con alcuni meccanismi:

  • secerne uno strato di muco che va a rivestire le sue pareti;
  • produce un liquido ricco di bicarbonato, cioè basico: in questo modo, il pH della parete gastrica raggiunge valori di neutralità.

Alcuni cibi, come il caffè o l’alcool, il fumo e lo stress possono provocare un aumento della produzione di acido cloridrico nello stomaco. A lungo andare, l’eccessiva produzione di acido può superare i meccanismi di difesa dello stomaco (come lo strato di muco e la secrezione di ioni bicarbonato), contribuendo a irritarne le pareti, determinando la comparsa di una gastrite. Pasti troppo abbondanti e un’alimentazione sregolata, ricca di grassi, tendono a rallentare lo svuotamento gastrico e quindi il processo digestivo, favorendo la risalita del contenuto acido nell’esofago, dove svolge un’azione irritante e talora persino ulcerante.

Rimedi per il bruciore di stomaco
Una visita dal medico è consigliabile in caso di pirosi gastrica o di sintomi da reflusso gastroesofageo: potrebbero essere necessari ulteriori accertamenti, o addirittura un trattamento farmacologico. Alcuni consigli generali possono comunque essere utili per prevenire o alleviare il bruciore di stomaco:

  • masticare lentamente;
  • evitare i pasti abbondanti, prediligere i pasti piccoli, frequenti, regolari;
  • evitare l’alcool, il fumo, le fritture;
  • consumare orzo e riso con la sua acqua di cottura;
  • raggiungere il peso forma in caso di chili di troppo e praticare una attività fisica regolare a distanza dai pasti;
  • imparare a gestire lo stress e ad allontanare i pensieri negativi;
  • potenziare i meccanismi di difesa dello stomaco per ridurre la secrezione acida utilizzando rimedi naturali come ad esempio il succo di Aloe Vera, il decotto di Barbabietola e l’estratto di semi di Tamarindo che hanno evidenziato di svolgere un’azione protettiva della mucosa gastrica.
Prenditi cura di chi ami
Profilo Salute Prenditi cura di chi ami

Non ricordi mai i dati medici di chi ami? Crea il loro profilo salute: conservi le info e le consulti quando serve

Cerca medico
Prenota online visita Hai bisogno di uno specialista?

Cerca lo specialista che ti serve e prenota online la tua visita

Registrati a Uwell! Ogni giorno contenuti personalizzati per condurre una vita sana