Icona ok L'articolo è stato aggiunto ai tuoi preferiti Icona chiudi ok
Iscriviti a Uwell per gestire la tua salute Registrati
back icon Torna agli articoli
Crampi e contratture muscolari: differenze e come intervenire
Prenditi cura di chi ami
Profilo Salute Prenditi cura di chi ami

Non ricordi mai i dati medici di chi ami? Crea il loro profilo salute: conservi le info e le consulti quando serve

Finalmente arriva il momento in cui possiamo dedicarci allo sport: una bella partita a tennis la domenica mattina o un’accanita sfida a calcetto la sera dopo il lavoro. Tutto sembra andare per il meglio, ma improvvisamente la festa viene rovinata da una fitta forte e dolorosa: è il crampo. Pur essendo uno dei problemi muscolari meno gravi per gli sportivi può comunque essere molto doloroso ed essere responsabile della fine del momento di svago o di allenamento.

Cosa fare per risolvere un crampo
Ma cos’è un crampo? Sintetizzando e semplificando al massimo, si può definire come una contrazione involontaria della muscolatura volontaria, cioè quella scheletrica. In genere basta allungare con cautela il muscolo colpito e il problema si risolve in pochi minuti, anche se il dolore muscolare può proseguire per periodi più o meno lunghi. Se il dolore viene avvertito in giornate particolarmente calde, infine, la causa del crampo potrebbe essere la sudorazione intensa, che sottrae all’organismo liquidi e sali minerali fondamentali per il funzionamento dei muscoli. In questi casi è bene bere molto e magari ricorrere a qualche integratore specifico per il reintegro dei sali minerali.

In caso di contrattura, meglio far riposare il muscolo
In casi leggermente più gravi si può arrivare fino alla contrattura. La principale differenza tra crampo e contrattura sta nella durata della contrazione involontaria del muscolo, che in quest’ultimo caso potrebbe durare persino una settimana. In generale, abbiamo a che fare con un segnale di allarme lanciato dal muscolo: questo trattiene una parte delle proprie fibre, che potrebbero rompersi nel caso in cui lo sforzo richiesto sia troppo intenso. La prima cosa da fare, soprattutto poco dopo l’episodio, è far riposare il muscolo contratto. È inoltre molto importante evitare di sottoporre il muscolo allo stesso tipo di sforzo che ha innescato il dolore. Se il sintomo dovesse continuare o peggiorare, il medico potrebbe prescrivere alcune sedute di fisioterapia.

Prenditi cura di chi ami
Profilo Salute Prenditi cura di chi ami

Non ricordi mai i dati medici di chi ami? Crea il loro profilo salute: conservi le info e le consulti quando serve

Cerca medico
Cerca specialista Hai bisogno di un dottore?

Cerca lo specialista di cui hai bisogno: effettua la ricerca per specializzazione, confronti le prestazioni e le tariffe

Registrati a Uwell! Ogni giorno contenuti personalizzati per condurre una vita sana