Icona ok L'articolo è stato aggiunto ai tuoi preferiti Icona chiudi ok
Iscriviti a Uwell per gestire la tua salute Registrati
back icon Torna agli articoli
Degenerazione maculare: sintomi, diagnosi e prevenzione
Cerca medico
Prenota online visita Hai bisogno di uno specialista?

Cerca lo specialista che ti serve e prenota online la tua visita

La degenerazione maculare colpisce l'occhio, o meglio, la macula, ovvero la parte centrale della retina, dove si trova la massima concentrazione dei fotorecettori specializzati per la visione dei dettagli. Chi soffre di questa malattia infatti mantiene la visione laterale e periferica, ma perde la visione centrale.
Questo disturbo causato dall’invecchiamento dell’occhio si manifesta con l'età, in misura maggiore dopo i 55 anni, e ha una componente genetica ereditaria.

Cause e sintomi della degenerazione maculare
Due sono le forme di degenerazione maculare legate all’età: da un lato la forma secca o atrofica, dall’altro la forma umida o essudativa. La prima colpisce la retina centrale che si assottiglia; è caratterizzata da lesioni denominate drusen. La malattia può progredire o trasformarsi gradualmente nella forma umida. I sintomi principali della degenerazione maculare sono:

  • difficoltà nella lettura: le parole appaiono sfuocate;
  • visione di aree scure o vuote al centro del campo visivo, denominate scotomi;
  • distorsione delle linee dritte, nota come metamorfopsie;
  • possibile perdita di parte del tessuto retinico, con conseguente calo della vista.

La forma essudativa è meno frequente, ma più invalidante: oltre le drusen, presenta la formazione di anomali vasi sanguigni, detti neovasi, a partire dalla coroide, la membrana vascolare più interna dell’occhio, fino a svilupparsi sotto il centro della retina (macula). I neovasi sono soggetti a rottura e possono causare emorragie. La sintomatologia principale è individuabile in un’importante riduzione della capacità visiva con distorsione delle immagini.

Come effettuare la diagnosi e quali sono le cure
La diagnosi precoce è fondamentale: consultare l'oculista è in generale il punto di partenza. Quest’ultimo, dopo avere effettuato l’esame del fondo oculare, può consigliare alcuni accertamenti con verifiche strumentali, come l’OCT, la tomografia a coerenza ottica, o la FAG, la fluorangiografia retinica, e l'ICG, l’angiografia al verde di indocianina.
Le cure sono molteplici ma lo stile di vita ha un ruolo molto importante. Si può intervenire, anche con iniezione all’interno del bulbo oculare di farmaci anti-VEGF, ovvero molecole capaci di inibire la formazione di nuovi vasi retinici.

Il ruolo delle arance contro la degenerazione maculare
Un recente studio condotto dal Westmead Institute for Medical Research dell’Università di Sydney, ha dimostrato che le arance possono aiutare molto a ridurre il rischio di degenerazione maculare. La ricerca, condotta analizzandola dieta di 2000 ultracinquantenni per un periodo di 15 anni, ha rilevato una stretta correlazione tra degenerazione maculare e il consumo di arance, evidenziando che le persone che mangiano con regolarità arance hanno minori probabilità di sviluppare la malattia. La responsabile della ricerca, l'epidemiologa Bamini Gopinath, difatti, ha dichiarato che "Le persone che ne mangiavano da una a due porzioni al giorno avevano un rischio di degenerazione maculare ridotto del 60%".
In particolare, è emerso che non è il contenuto di vitamina C ad avere un effetto protettivo per gli occhi bensì i flavonoidi contenuti nelle arance: lo studio dimostra infatti che l'azione preventiva è legata ai flavonoidi - contenuti anche in numerosi altri gruppi di alimenti - ma che l'effetto benefico sembra mantenersi specificatamente in coloro che mangiano arance una volta alla settimana.

Come prevenire la degenerazione maculare? Prevenzione con uno stile di vita sano
In generale, la prevenzione deve essere associata a uno stile di vita sano, in cui fumo, sole e grassi sono i peggiori nemici. 
Alcuni accorgimenti da adottare possono essere:

  • indossare gli occhiali da sole;
  • non fumare;
  • seguire un regime alimentare ricco di frutta e verdura, prediligere cereali come fonte di zinco, carote e spinaci ricchi di beta-carotene e luteina, pesce e omega-tre;
  • praticare attività fisica in modo regolare;
  • controllare periodicamente la pressione arteriosa, il colesterolo e i trigliceridi;
  • sottoporsi a controlli oculistici periodici.

Cerca medico
Prenota online visita Hai bisogno di uno specialista?

Cerca lo specialista che ti serve e prenota online la tua visita

Trova Farmacia
Trova farmacia Hai bisogno di una farmacia?

Ci pensa Uwell! Cerca le farmacie più vicine a te, ti indica gli orari, i servizi offerti e come arrivarci

Registrati a Uwell! Ogni giorno contenuti personalizzati per condurre una vita sana