Cerca
Back Torna agli articoli
Share Save
Dolci dopo cena: meglio se dietetici e fatti in casa

Un goloso dessert a conclusione di un buon pasto gratifica il palato ed è particolarmente gradito nei momenti di stanchezza fisica e mentale. È un piacere zuccherino che ogni tanto va bene concedersi, cercando però di non esagerare.

Perchè bisogna controllare la quantità di grassi e zuccheri aggiunti

In linea generale, sarebbe meglio preferire dolci fatti con alimenti genuini, eliminando o comunque facendo attenzione ai grassi e agli zuccheri aggiunti. Un elevato consumo di questi ultimi è per esempio associato a un eccessivo introito di calorie e a una scarsa qualità della dieta. Uno studio recente ha messo in relazione l’aumento dei casi di obesità negli adulti, negli adolescenti e nei bambini all’elevata quantità di zuccheri presenti nelle bevande zuccherate, nei prodotti da forno zuccherati, nei dolciumi e nei dessert, come anche nei gelati.

Un dolce fatto in casa è la scelta migliore

Un buon compromesso può essere ottenuto preparando i dolci in casa. In questo modo, si può essere consapevoli del contenuto in zuccheri e grassi, modularne la quantità e scegliere quali grassi utilizzare. Nei dolci contenenti frutta fresca, cotta o secca, è possibile ridurre sensibilmente la quantità di zucchero aggiunto. Al ristorante, dunque, un buon compromesso possono essere i dessert alla frutta, mentre è meglio evitare quelli troppo carichi di crema e panna. Attenzione anche alla dimensione delle porzioni: una comoda monoporzione può essere più che sufficiente ad appagare la voglia di dolce. Per gestire gli eccessi ci viene in soccorso anche la piramide alimentare della dieta mediterranea, dove i dolci occupano il livello più alto: sarebbe bene non consumarne più di due porzioni la settimana.

Fonti

  • Bailey RL, et al., Sources of Added Sugars in Young Children, Adolescents, and Adults with Low and High Intakes of Added Sugars, Nutrients, volume 10, issue 1, volume 102, 2018.

    https://doi.org/10.3390/nu10010102
Ultimo aggiornamento:23-07-2020

Ultimi articoli pubblicati