Icona ok L'articolo è stato aggiunto ai tuoi preferiti Icona chiudi ok
back icon Torna agli articoli
Follicolite maschile e femminile: cause, sintomi e rimedi

La follicolite è un’infiammazione dei follicoli piliferi, cioè l’insieme di strutture della pelle fondamentale per la formazione dei peli nel nostro corpo. Il follicolo ha la forma di un sacco rovesciato e contiene il pelo; insieme alla ghiandola sebacea annessa, costituisce il complesso pilo-sebaceo.

Tipi di follicolite e cause più comuni
Le forme più frequenti di follicolite sono quelle infettive, in particolare batteriche: lo Stafilococco aureo è il patogeno più rilevante; raramente sono invece coinvolti virus, parassiti e funghi.
Ci sono anche le forme non infettive, poco diffuse e legate a malattie cutanee come la rosacea o a una grave malnutrizione, in particolar modo a una carenza di vitamina C. La forma batterica negli uomini è dovuta alla rasatura contropelo della barba (sicosi), mentre nelle donne il problema è legato alla depilazione di zone delicate come gambe, inguine e ascelle. L’applicazione cutanea prolungata di creme cortisoniche, l’indossare indumenti troppo stretti che trattengono calore, sudore e umidità e l’irritazione dei follicoli del cuoio capelluto sono invece motivi che scatenano la follicolite in entrambi i sessi.

Manifestazioni cliniche della follicolite
Il tipico quadro della follicolite è rappresentato da grappoli di piccoli bozzi rossi e tondeggianti e/o da foruncoli dalla punta bianca che si sviluppano attorno al follicolo pilifero. Nelle forme più aggressive possono crearsi delle pustole (bolle o vesciche ripiene di pus) che lasciano delle croste quando si rompono. Tutte queste lesioni sono accompagnate da sensazioni di prurito, bruciore, dolore e gonfiore.

Le principali conseguenze dell’infiammazione
Nella stragrande maggioranza dei casi la follicolite è una condizione benigna. È importante il consulto con uno specialista per avere un inquadramento del problema, ma è raro che si incorra in rischi particolarmente gravi. La patologia potrebbe però creare piccole lesioni della cute, con conseguenti cicatrici poco piacevoli dal punto di vista estetico. Solo nei casi più eclatanti, quando i batteri superano i confini della pelle, infiammano i linfonodi circostanti e si diffondono, viene generata una sintomatologia “sistemica”.

Cura e prevenzione della follicolite 
Nelle sue forme più lievi e superficiali la follicolite può essere autolimitante e non necessita dunque di particolari cure, se non l’applicazione di disinfettanti. Una terapia molto comune adottata per combattere le forme di follicolite più diffuse tra uomini e donne è inoltre quella antibiotica, scelta dal medico curante: è priva di controindicazioni, se non per le donne in gravidanza. Come sempre anche la prevenzione è importante anche in questo caso. Nell’uomo, un principio generale è quello di radersi sempre con delicatezza, dopo aver preparato adeguatamente la pelle, evitando il contropelo. Specialmente in caso di episodi ricorrenti, lasciar crescere la barba per evitare frequenti rasature è una buona soluzione. Nella donna, è importante indossare indumenti comodi, per evitare che la cute sia danneggiata da sudore e calore e, quindi, predisposta all’infiammazione.

Fonti

Ultimo aggiornamento 06-02-2020