Icona ok L'articolo è stato aggiunto ai tuoi preferiti Icona chiudi ok
Iscriviti a Uwell per gestire la tua salute Registrati
back icon Torna agli articoli
Impetigine bollosa e non bollosa: cos’è, cure e  complicanze
Prenditi cura di chi ami
Profilo Salute Prenditi cura di chi ami

Non ricordi mai i dati medici di chi ami? Crea il loro profilo salute: conservi le info e le consulti quando serve

L’impetigine è un’infezione della pelle che colpisce generalmente i bambini, in particolare quelli tra i due e i cinque anni di età. Si tratta di un’infezione molto contagiosa, causata da due principali batteri: lo stafilococco e lo streptococco. Spesso l’infezione si sviluppa a partire da piccole lesioni della pelle, come le punture d’insetti, e i piccoli graffi dovuti al grattamento. Le lesioni si sviluppano nel giro di qualche giorno. Questa infezione può essere contagiata ad altri bambini sia tramite il contatto diretto, sia per trasmissione indiretta, come per esempio nella condivisione di asciugamani.

Impetigine bollosa e non bollosa
Esistono due forme di impetigine: l’impetigine non bollosa, detta anche contagiosa, e l’impetigine bollosa. Spesso si forma su piccole lesioni della pelle, come quelle provocate dal grattamento, in particolare a seguito di punture di insetti, dalla varicella o delle infezioni erpetiche. La forma non bollosa inizia come una piccola macchia rossa isolata, che in breve tempo si trasforma in una vescicola. Successivamente, la vescicola si erode e intorno ai suoi margini iniziano a crearsi delle formazioni crostose di un caratteristico color miele. L’impetigine si può quindi diffondere ad altre aree, spesso tramite autocontagio per grattamento: il bambino, sentendo fastidio o prurito nella zona colpita, inizialmente gratta vie le croste; grattandosi poi in altre aree provoca altre piccole lesioni sulle quali l’impetigine può spargersi. Le aree più colpite sono dunque quelle esposte o quelle più facilmente raggiungibili con le mani, come il volto e le estremità. La forma bollosa è meno frequente e spesso colpisce i neonati, si presenta inizialmente sotto forma di vescicole che poi si allargano in bolle sulla pelle. Le bolle possono rompersi formando una lesione crostosa: le aree più colpite sono quelle delle pieghe della pelle come il collo, le ascelle o l’area del pannolino. Si tratta di una forma meno contagiosa della precedente.

Le complicanze dell’impetigine
L’impetigine può essere molto fastidiosa, provocando prurito e dolore nell’area colpita. In rari casi, tuttavia, può provocare alcune conseguenze: la più importante è la glomerulonefrite post-infettiva, un’infiammazione dei reni che può presentarsi con l’emissione di urine color sangue e aumento della pressione arteriosa. Altre complicanze sono molto rare e sono quelle secondarie ad altri tipi di infezioni da streptococco e stafilococco, quali l’ingrossamento e l’infezione dei vasi linfatici o dei linfonodi vicini all’area di pelle colpita; ma anche la polmonite, l’artrite e l’osteomielite, cioè l’infezione delle ossa.

La cura per l’impetigine
L’impetigine tende a guarire spontaneamente nel giro di due settimane, senza lasciare cicatrici. Tuttavia, durante questo periodo è possibile che la lesione primaria si diffonda ad altre parti del corpo, prolungando la durata della malattia. Inoltre, essendo molto contagiosa, se non trattata, può essere facilmente passata ad altri bambini, come si osserva in comunità dove i bambini vivono a contatto tra loro per diverse ore della giornata.

Per curare l’impetigine, riducendo sia la sintomatologia locale, sia il rischio di autocontagio o di contagio per altri bambini, si usano creme antibiotiche da applicare sulla zona dell’infezione. Quando le lesioni sono molto estese può essere utile ricorrere agli antibiotici orali.

Fonti

  • Cole, C., Gazewood, J., Diagnosis and Treatment of Impetigo, American Family Physician, volume 75, Number 6, pages 859-864, 2007.

Ultimo aggiornamento 22-11-2019
Prenditi cura di chi ami
Profilo Salute Prenditi cura di chi ami

Non ricordi mai i dati medici di chi ami? Crea il loro profilo salute: conservi le info e le consulti quando serve

Prenota un videoconsulto
Fai un videoconsulto su Uwell Prenota un videoconsulto

Se hai un dubbio di salute e poco tempo, non rimandare: scegli tu quando e con chi!

Registrati a Uwell! Ogni giorno contenuti personalizzati per condurre una vita sana