Icona ok L'articolo è stato aggiunto ai tuoi preferiti Icona chiudi ok
Iscriviti a Uwell per gestire la tua salute Registrati
back icon Torna agli articoli
Iperacidità gastrica: cause, sintomi e alimentazione

La dispepsia acida, meglio nota come iperacidità gastrica, è costituita da un insieme di sintomi che derivano, essenzialmente, da un’eccessiva presenza di “elementi acidi” nello stomaco. I fastidi più comuni sono bruciore al confine tra la regione toracica e addominale, perdita di appetito e reflusso.

Diete irregolari, alcool e poca attività fisica sono le cause principali
L’acidità è di solito causata da fattori ambientali, legati soprattutto a diete irregolari e poco varie, consumo di alcool e limitata attività fisica. Anche l’uso prolungato di certe categorie di medicinali, soprattutto antiinfiammatori, potrebbe contribuire ai fastidi gastrici. Chi vive questa condizione può incappare inoltre in stati di ansia e stress, con un possibile peggioramento dello stile di vita a causa dei processi ossidativi. Siamo di fronte a un sorta di circolo vizioso che, per fortuna, si  può migliorare ponendo attenzione a piccoli dettagli dietetici. Consumare prodotti sani e naturali potrebbe senz’altro essere d’aiuto.

Le verdure alcaline sono un alleato contro il reflusso: uno studio lo dimostra
L’utilizzo di frutta e verdure alcaline può, infatti, dare sollievo a chi soffre di acidità gastrica, grazie alla capacità tipica di molti vegetali di aumentare, nel lungo termine, il pH gastrico. Questa azione di tampone è la stessa che viene svolta dal latte freddo, che però, se consumato in modo eccessivo, può portare a un’iperacidità gastrica di riflesso, oltre che a effetti collaterali come la diarrea. Grazie a un modello di stomaco artificiale, sono stati messi a confronto alcuni ortaggi e frutta con acqua e latte: i risultati migliori sono stati raggiunti da cavoli, cocomero, broccoli e ravanelli, con una capacità duratura e netta di aumentare il pH gastrico. In particolare, i broccoli hanno dimostrato la migliore capacità di tamponamento dell’acidità. Possiamo dunque dedurre che adottare semplici accortezze durante i pasti, come prediligere ortaggi o frutta, magari provenienti da orti limitrofi, può portare a un netto sollievo dei sintomi da acidità gastrica, soprattutto in fase iniziale, permettendo di posticipare l’eventuale utilizzo di alcuni farmaci. La natura ci permette di variare la nostra dieta offrendoci prodotti che ci possono aiutare contro l’iperacidità gastrica, diversi in ogni stagione.

 

Fonti

  • Panda, V., et al., A comparative study of the antacid effect of some commonly consumed foods for hyperacidity in an artificial stomach model, Complement. Ther. Med., volume 34, pages 111–115, 2017.
    https://doi.org/10.1016/j.ctim.2017.08.002
Cerca medico
Prenota online visita Hai bisogno di uno specialista?

Cerca lo specialista che ti serve e prenota online la tua visita

Registrati a Uwell! Ogni giorno contenuti personalizzati per condurre una vita sana