Icona ok L'articolo è stato aggiunto ai tuoi preferiti Icona chiudi ok
Iscriviti a Uwell per gestire la tua salute Registrati
back icon Torna agli articoli
Mal di testa e stress sono legati da una correlazione
Profilo Salute Prenditi cura di chi ami

Non ricordi mai i dati medici di chi ami? Crea il loro profilo salute: conservi le info e le consulti quando serve

Mal di testa è una parola generica che descrive una situazione di dolore alla testa; varie sono le tipologie in cui è distinto. Da un lato i mal di testa primari, tra cui troviamo emicranie, cefalee tensive e a grappolo, dall’altro i mal di testa secondari, che sono invece causati da una malattia.

Quali sono le forme più comuni di mal di testa primari?
Tra i mal di testa primari, le forme più comuni sono:

  1. Cefalea tensiva come cerchio alla testa. Le forme croniche, ovvero quelle in cui la frequenza degli attacchi è superiore ai 15 giorni al mese, riguardano l’1-3% della popolazione adulta. Gli attacchi di cefalea tensiva possono durare da poche ore ad alcuni giorni e sono più comuni nelle donne che negli uomini. I fattori scatenanti sono lo stress e le tensioni muscolari del collo.
  2. Emicrania: colpisce soprattutto soggetti di età compresa tra i 35 e i 45 anni. Le sue caratteristiche sono quelle di essere ricorrente, di intensità moderata o severa, con dolore pulsante e localizzato su un lato, che può durare da alcune ore a 2-3 giorni, spesso associato anche a nausea.
  3. Cefalea a grappolo: è una forma meno comune rispetto alle precedenti e si presenta con attacchi molto frequenti che possono essere episodici o cronici, molto brevi ma caratterizzati da un dolore che viene spesso riferito come estremamente acuto, solitamente focalizzato intorno all’occhio, che può arrossarsi e lacrimare.

Lo stress è tra i fattori scatenanti delle cefalee, anche quando il periodo impegnativo è terminato
Diversi studi hanno dimostrato che lo stress è tra i fattori scatenanti delle cefalee e che gli attacchi possono avvenire non solo durante la fase acuta di affaticamento, ma anche alla fine di un periodo particolarmente impegnativo. Una situazione di stress acuto può abbassare infatti in maniera significativa le riserve di magnesio presenti nel nostro organismo: è stato dimostrato che nei pazienti che soffrono di cefalea i livelli di magnesio sono più bassi che nei soggetti sani, indipendentemente dal tipo di mal di testa. Anche per questo, assumere un corretto quantitativo di magnesio nella dieta risulta utile.

Profilo Salute Prenditi cura di chi ami

Non ricordi mai i dati medici di chi ami? Crea il loro profilo salute: conservi le info e le consulti quando serve

Trova Farmacia
Trova farmacia Hai bisogno di una farmacia?

Ci pensa Uwell! Cerca le farmacie più vicine a te, ti indica gli orari, i servizi offerti e come arrivarci

Registrati a Uwell! Ogni giorno contenuti personalizzati per condurre una vita sana