Icona ok L'articolo è stato aggiunto ai tuoi preferiti Icona chiudi ok
Iscriviti a Uwell per gestire la tua salute Registrati
back icon Torna agli articoli
Rimedi per cinetosi, mal d'auto e mal di mare
Prenditi cura di chi ami
Profilo Salute Prenditi cura di chi ami

Non ricordi mai i dati medici di chi ami? Crea il loro profilo salute: conservi le info e le consulti quando serve

L’essere umano non è stato progettato per volare, navigare o essere trasportato da una macchina. Il suo cervello e i suoi sensi sono “tarati” su spostamenti dolci e accelerazioni moderate come quelle che, al massimo, si possono sperimentare correndo o camminando. Tutto cambia però se si sale a bordo di aerei, navi o automobili: specialmente se non siamo noi a guidare, i sensi “perdono la bussola” e possono mandare al cervello messaggi confusi sulla posizione della testa e del corpo. In questi casi si può andare incontro alla cosiddetta cinetosi, conosciuta più comunemente come mal d’aria, di mare o di auto.

Cosa accade quando si soffre di cinetosi?
Scientificamente parlando si tratta di un disturbo neurologico provocato dal fatto che l’apparato vestibolare, situato nell’orecchio interno, non si trova d’accordo con i segnali inviati dagli occhi e dal resto del corpo. Il caso tipico in cui si manifesta la cinetosi è quello che vede il bambino seduto sul sedile posteriore dell’auto. Per altezza e posizione gli occhi non vedono bene come si muove la macchina, ma le orecchie registrano comunque gli spostamenti, le variazioni di gravità e le accelerazioni: un conflitto di segnali che confonde il cervello e si manifesta con nausea, vomito, salivazione eccessiva o sonnolenza.

Gli accorgimenti da tenere durante i viaggi
Per viaggiare più sereni esistono piccoli accorgimenti, come ad esempio preferire il sedile anteriore a quello posteriore o, in aereo, scegliere il posto accanto al finestrino. Se si soffre di cinetosi, prima di un viaggio è meglio non mangiare troppo per ridurre il rischio di nausea. Un rimedio naturale suggerito dall’erboristeria sono gli integratori a base di zenzero, ma la loro efficacia non è scientificamente provata. Un gruppo di ricercatori tedeschi ha analizzato tutti gli studi che sono stati effettuati per cercare un legame tra azione dello zenzero e cinetosi ed è giunto alla conclusione che non si può giungere ad una condizione certa. I dati, infatti, non sono chiarissimi e gli effetti non ancora accertati: lo zenzero infatti può potenziare l’azione di farmaci anticoagulanti. È bene pertanto consultare un medico prima di assumerlo abitualmente,  soprattutto se si devono osservare terapie specifiche.

Prenditi cura di chi ami
Profilo Salute Prenditi cura di chi ami

Non ricordi mai i dati medici di chi ami? Crea il loro profilo salute: conservi le info e le consulti quando serve

Trova Farmacia
Trova farmacia Hai bisogno di una farmacia?

Ci pensa Uwell! Cerca le farmacie più vicine a te, ti indica gli orari, i servizi offerti e come arrivarci

Registrati a Uwell! Ogni giorno contenuti personalizzati per condurre una vita sana