Icona ok L'articolo è stato aggiunto ai tuoi preferiti Icona chiudi ok
back icon Torna agli articoli
Arriva un fratellino: come comportarsi in questo momento?

La maternità rappresenta per i genitori un momento di gioia: nuovi preparativi, l’inizio di una nuova avventura, un momento particolare da affrontare in famiglia con tutta la serenità possibile. Per un bambino, invece, l’arrivo di un fratellino rappresenta un momento delicato, di completo cambiamento.

Le cause che possono far insorgere gelosia nei più piccoli
Il primogenito preferisce essere da solo in famiglia, per non dover dividere con altri l’amore dei genitori; il secondogenito, invece, non vuole perdere il ruolo di piccolo di casa e così, indipendentemente dal numero di bambini che compongono la famiglia, non è raro che alla notizia dell’arrivo di un nuovo componente loro si oppongano o facciano buon viso a cattivo gioco, per compiacere i familiari. La gelosia è naturale, in quanto nasce dal timore che il nuovo arrivato possa ricevere tutte le attenzioni dei genitori e dalla paura di non avere più un momento da soli con mamma o papà.

Quando condividere la notizia? Il prima possibile
Esiste il momento giusto per condividere la notizia con il bambino? Presto, il prima possibile, sicuramente prima che si accorga da solo che qualcosa è cambiato. È importante infatti dargli il tempo di adattarsi alla nuova condizione, di farsene una ragione e di attendere con gioia il lieto evento.

Qualche accorgimento da adottare durante la gravidanza
Già durante la gravidanza è consigliabile mettere in atto alcuni semplici accorgimenti per prepararlo all’arrivo del fratellino: mettere il lettino in una stanza diversa da quella dei genitori alcuni mesi prima del parto, in modo tale che il cambiamento non venga vissuto come una conseguenza dell’arrivo del fratellino; ritardare l’inserimento nella scuola materna, in modo che il piccolo non pensi che la mamma lo voglia allontanare da sé perché non ha più tempo da dedicargli; sfogliare un libro o spiegare come il bimbo cresce nella pancia della mamma e come è fatto un neonato; anticipare che la mamma dovrà andare in ospedale, ma che il papà o i nonni si occuperanno di lui e ricordare che la sua assenza sarà solo per poco tempo; guardare insieme gli album delle foto di quando era neonato; farsi aiutare a preparare la culla, i vestiti, tutto il necessario per il fratellino in arrivo.

Non dimenticarsi di dedicare tempo e attenzioni anche ai più grandicelli
Dopo la nascita del bebè, quando la mamma è già tornata a casa, è importante dedicare tempo e attenzioni al più grande, che in questa fase delicata ha particolarmente bisogno dei genitori. Per lui può essere importante partecipare alla cura del neonato, come nei momenti del bagnetto e dell’allattamento. Non vale la pena preoccuparsi per la comparsa di atteggiamenti regressivi, come tornare a farsi la pipì addosso, succhiare il dito, chiedere il biberon, farsi imboccare: per il bambino sono solo richieste di attenzione che, con il tempo, spariranno.

Registrati a Uwell! Puoi ricevere ogni giorno contenuti personalizzati per imparare a condurre una vita sana e vivere meglio