Icona ok L'articolo è stato aggiunto ai tuoi preferiti Icona chiudi ok
Iscriviti a Uwell per gestire la tua salute Registrati
back icon Torna agli articoli
Squilibrio della flora batterica e allergie alimentari

La flora batterica, detta anche microbiota, è l’insieme dei batteri che vivono in un dato ambiente. Quella intestinale è costituita dai batteri che colonizzano l’apparato gastrointestinale e, in particolare, il colon. Il microbiota intestinale può essere visto come un "organo" aggiuntivo, che all’interno del nostro organismo svolge funzioni utili, di cui noi non siamo in grado di occuparci autonomamente. La flora batterica intestinale svolge infatti un ruolo essenziale per la salute del nostro organismo, in che modo?

  • Aiutando a utilizzare al meglio l’energia che proviene dal cibo,
  • proteggendo le cellule della parete intestinale,
  • migliorando la risposta immunitaria dell’apparato gastrointestinale e dell’intero organismo.

Come si forma la flora batterica intestinale
Alla nascita, l’intestino del neonato è sterile; già durante il passaggio attraverso il canale del parto, l’intestino inizia a essere colonizzato dai batteri con cui il piccolo viene a contatto. Con i primi pasti del piccolo, aumenta la varietà di batteri che compongono il microbiota, con differenze tra bambini allattati al seno e bambini nutriti con latte formulato. Il contatto con l’ambiente circostante e con le persone che vivono accanto al nuovo nato nelle settimane successive aumenta il numero e il tipo di batteri che vanno a colonizzare l’intestino del piccolo. Nello sviluppo del microbiota sembrano essere determinanti anche fattori genetici e legati alla composizione della flora batterica materna. Verso la fine del primo anno di vita, il bambino possiede una flora batterica simile a quella dell’adulto, che comprende tra le 400 e le 500 specie di batteri.

Funzioni della flora batterica intestinale
Sempre più studi mostrano come la flora batterica svolga un ruolo fondamentale per il mantenimento della salute. La fermentazione delle scorie alimentari presenti nell’intestino è fonte di nutrimento per i batteri e contribuisce a mantenere in salute le cellule della parete intestinale. Secondo le indagini effettuate finora la flora batterica:

  • produce un effetto barriera capace di ridurre il moltiplicarsi di germi patogeni in grado di produrre malattie. Questo avviene sia tramite la secrezione di sostanze simili ad antibiotici naturali, sia impedendo che un singolo ceppo prevalga sugli altri;
  • i batteri dell’intestino sono direttamente coinvolti nella produzione di alcune vitamine, in particolare della vitamina K che regola la coagulazione del sangue, e le vitamine del gruppo B che aiutano a ricavare energia dagli alimenti;
  • avrebbe un importante ruolo nella stimolazione, maturazione e modulazione del sistema immunitario, il sistema che da un lato protegge dalle infezioni, dall’altro può provocare reazioni di difesa eccessive dell’organismo nei confronti di determinate sostanze. Queste reazioni eccessive sono le reazioni allergiche o da ipersensibilità.

Alterazioni della flora batterica e allergie
Nello stile di vita occidentale, nel tempo, sono state introdotte misure igieniche che riducono la quantità e la qualità dei batteri che vengono a contatto con neonati e lattanti. Queste misure, in generale utili a ridurre il rischio di contrarre malattie anche gravi, sembrerebbero però essere al tempo stesso responsabili dello sviluppo di una flora batterica intestinale povera e non in grado di svolgere completamente le sue funzioni.

Le allergie alimentari parrebbero verificarsi con maggior frequenza proprio in quei paesi in cui la composizione del microbiota nei bambini appare alterata.

L’importanza della flora batterica nella risposta del sistema immunitario
Dalle osservazioni compiute, si potrebbe concludere che la flora batterica intestinale ha un ruolo molto importante nella modulazione della risposta immunitaria. Le variazioni della composizione batterica del sistema digerente sembrano predisporre (ma gli studi sono ancora in corso) a diverse patologie quali:

  • allergie alimentari
  • dermatiti atopiche
  • rinite allergica
  • malattie infiammatorie intestinali. 

Se somministrati in dose adeguata, i microrganismi probiotici possono produrre effetti benefici per la salute, contribuendo a mantenere il corretto equilibrio della flora batterica intestinale.

Fonti

  • Rachid, R. & Chatila, T. A., The role of the gut microbiota in food allergy, Current Opinion in Pediatrics, volume 28, issue 6, pages 748–753, 2016.

    https://doi.org/10.1097/MOP.0000000000000427

  • Sjögren, Y. M., et al., Altered early infant gut microbiota in children developing allergy up to 5 years of age. Clin. Exp. Allergy, volume 39, issue 4, pages 518-526, 2009.

    https://doi.org/10.1111/j.1365-2222.2008.03156.x

  • Penders, J. et al. Gut microbiota composition and development of atopic manifestations in infancy: The KOALA birth cohort study. Gut, volume 56, issue 5, 2007.

    https://doi.org/10.1136/gut.2006.100164

  • Kirjavainen, P. V. & Gibson, G. R., Healthy gut microflora and allergy: Factors influencing development of the microbiota. Annals of Medicine, volume 31, issue 4, pages 288-292, 2009.

    https://doi.org/10.3109/07853899908995892

  • Lopetuso, L. R., et al., Bacillus clausii and gut homeostasis: state of the art and future perspectives. Expert Review of Gastroenterology and Hepatology, volume 10, issue 8, pages 943-948, 2016.

    https://doi.org/10.1080/17474124.2016.1200465

  • LeBlanc, J. G. et al., Bacteria as vitamin suppliers to their host: A gut microbiota perspective. Current Opinion in Biotechnology, volume 24, issue 2, pages 160-168, 2013.

    https://doi.org/10.1016/j.copbio.2012.08.005

  • Biesalski, H. K., Nutrition meets the microbiome: micronutrients and the microbiota. Ann. N.Y. Acad. Sci. volume 1372, issue 1, special issue, pages 53-64, 2016.

    https://doi.org/10.1111/nyas.13145

  • Rowland, I. et al., Gut microbiota functions: metabolism of nutrients and other food components. European Journal of Nutrition, volume 57, issue 1, pages 1–24, 2018.

    https://doi.org/10.1007/s00394-017-1445-8

Ultimo aggiornamento 28-10-2019

Registrati a Uwell! Ogni giorno contenuti personalizzati per condurre una vita sana