Icona ok L'articolo è stato aggiunto ai tuoi preferiti Icona chiudi ok
Iscriviti a Uwell per gestire la tua salute Registrati
back icon Torna agli articoli
La stitichezza - Donna pensierosa
Prenditi cura di chi ami
Profilo Salute Prenditi cura di chi ami

Non ricordi mai i dati medici di chi ami? Crea il loro profilo salute: conservi le info e le consulti quando serve

Definizione

Si parla di stitichezza o stipsi quando la defecazione viene ritenuta insufficiente, ossia quando si verificano una o più delle seguenti condizioni:

- ridotta frequenza di evacuazione (inferiore alle 2-3 volte la settimana);

- eliminazione di feci eccessivamente disidratate e/o di scarso volume;

- evacuazione dolorosa;

- eccessivo sforzo per l’evacuazione (se si prolunga per più di 10 minuti);

- necessità del ricorso ad interventi manuali;

- sensazione di evacuazione incompleta;

- necessità del ricorso a clisteri o lassativi di vario tipo per arrivare ad evacuare con regolarità.

Le condizioni che definiscono una regolare attività dell’intestino possono variare da persona a persona.

Un intestino è ritenuto regolare quando l’atto della defecazione si verifica da 3 volte al giorno a 3 volte la settimana. 

Si considerano normali le feci cosiddette morbide e ben formate; vi sono comunque persone che regolarmente producono feci relativamente compatte, senza per questo avere problemi durante l’evacuazione.

La stipsi deve quindi essere intesa come un’alterazione delle proprie abitudini intestinali, sia nel ritmo di evacuazione, sia nelle caratteristiche abituali (forma, consistenza) delle feci.

Nella maggior parte dei casi la stitichezza è un malessere temporaneo e, per quanto fastidiosa, non crea problemi di eccessivo rilievo.

In ogni caso va trattata e corretta, soprattutto quando gli episodi diventano ricorrenti e/o quando questa condizione si prolunga fino a diventare cronica.

 

Sintomi e cause

Una stipsi prolungata può dare:

- cefalea;

- anoressia;

- meteorismo (gonfiore intestinale);

- dispnea (difficoltà nella respirazione);

- lingua impastata;

- vertigini e malessere;

- tensione e dolore addominale;

- senso di peso rettale.

Una stipsi cronica non trattata può portare all’aggravarsi di problemi anche molto seri, quali ad esempio emorroidi, fecalomi (accumuli consistenti di feci che difficilmente vengono rimosse) e ritenzione fecale.

Brevi episodi di stipsi nel corso della vita di una persona sono un problema molto diffuso. In genere ne sono più colpite le donne (soprattutto in gravidanza e nel periodo post-parto), i bambini e le persone anziane.

 

Cause

La stipsi è in genere provocata da una riduzione dell’attività contrattile del colon, che causa un rallentamento della progressione delle feci. La conseguenza del rallentamento è un eccessivo riassorbimento di acqua, con formazione di feci troppo solidificate e quindi difficili da espellere.

Le cause alla base della stitichezza possono essere molto varie:

- Dieta povera di fibre: infatti le fibre, contenute nella frutta, cereali e verdure, sono in grado di trattenere acqua, che rende più soffici le feci, e di aumentarne la massa, stimolando così il transito attraverso il colon.

- Scarso apporto di liquidi nella dieta: l’assunzione di una quantità adeguata di liquidi è indispensabile per poter mantenere soffice la massa fecale, purché nella dieta siano presenti le fibre. 

- Variazioni delle abitudini di vita: viaggi, alimentazione molto diversa dal solito, scarso esercizio fisico o immobilità, possono causare stitichezza. 

- Abuso di lassativi: l’errata concezione di regolarità intestinale, porta molte persone a credersi stitiche quando in realtà non lo sono. L’uso prolungato di lassativi può danneggiare i tessuti e indebolire la naturale contrattilità del colon.  

- Problemi del colon, del retto e gastrointestinali: la stipsi può talvolta essere secondaria a condizioni quali appendicite cronica o ulcera gastroduodenale. Alcune patologie a carico del colon (es. colon irritabile - eccessiva reattività non correlata a specifiche patologie), del retto, e dell’apparto intestinale possono portare a stitichezza, così come problemi intestinali quali ostruzioni, adesioni secondarie ad interventi chirurgici, alcuni tumori, o anomalie dell’ano e/o del retto.  

- Presenza di altre patologie: alcune patologie di tipo neurologico (es. morbo di Parkinson, sclerosi multipla, lesioni al midollo spinale), metabolico (es. diabete) o endocrino (es. ipotiroidismo) possono interferire con la motilità intestinale e causare stipsi.  

Ignorare lo stimolo alla defecazione.

Prenditi cura di chi ami
Profilo Salute Prenditi cura di chi ami

Non ricordi mai i dati medici di chi ami? Crea il loro profilo salute: conservi le info e le consulti quando serve

Trova Farmacia
Trova farmacia Hai bisogno di una farmacia?

Ci pensa Uwell! Cerca le farmacie più vicine a te, ti indica gli orari, i servizi offerti e come arrivarci

Registrati a Uwell! Ogni giorno contenuti personalizzati per condurre una vita sana