Icona ok L'articolo è stato aggiunto ai tuoi preferiti Icona chiudi ok
Iscriviti a Uwell per gestire la tua salute Registrati
back icon Torna agli articoli
Come si formano le verruche e perchè si contraggono spesso in piscina
Prenditi cura di chi ami
Profilo Salute Prenditi cura di chi ami

Non ricordi mai i dati medici di chi ami? Crea il loro profilo salute: conservi le info e le consulti quando serve

Il termine verruca ha origine latina e indica un’escrescenza carnosa della cute. Si tratta di protuberanze o tumefazioni tipicamente rugose alla superficie. Le sedi del corpo dove più frequentemente compaiono sono mani e piedi; in quest’ultimo caso si parla di verruche plantari. Il colore varia dal bianco-grigio al rosa-marrone; al di là del disturbo estetico, la localizzazione al piede può risultare fastidiosa quando si sta in piedi e specialmente mentre si cammina o si fa sport.

Perché si formano le verruche?
Le verruche plantari sono causate da vari sottotipi del papilloma virus. Il virus infetta i cheratinociti, le cellule più comuni dell’epidermide, facendole proliferare in modo anomalo: è così che si creano queste formazioni di tessuto in eccesso, che partono dagli strati basali della cute.

Perché il contagio è frequente in piscina?
Il modo più semplice con cui si trasmette il virus è il contatto diretto con le lesioni di qualcun altro o perfino con le proprie: in quest’ultimo caso si parla di auto-inoculazione, per cui la lesione viene trasmessa da una parte all’altra del proprio corpo. Tuttavia, anche con il contagio indiretto si verifica la medesima situazione: il contatto con le squame delle verruche che cadono e si depositano a terra in zone umide di luoghi molto affollati (come le docce e le saune di piscine e palestre), dà luogo alle medesime lesioni.

Rimedi contro le verruche
Contro le verruche si possono adottare diverse opzioni: una visita dermatologica è il presupposto fondamentale per stabilire con uno specialista l’approccio più corretto. Si può anche non intervenire e attendere che la lesione, specie quando è molto piccola e non determina particolari fastidi, regredisca spontaneamente. Se si decide invece di intervenire, l’opzione più frequente è il ricorso a farmaci topici – cioè da applicare localmente - a base di acido salicilico, che distruggono lo strato di cheratina in eccesso. Una possibilità è poi rappresentata dalle terapie fisiche, che sfruttano freddo, calore o raggi laser. Alternative farmacologiche ai prodotti a base di salicilati (come per esempio gli agenti che modulano il sistema immunitario) sono invece molto rare e da riservare ai casi più estremi. I rimedi naturali come trattamenti a base di piante medicinali (aglio e celidonia, per fare un esempio), sono molto utilizzati nella prassi, ma poco efficaci. La migliore soluzione, come sempre, è la prevenzione. Con i giusti accorgimenti si può scongiurare il rischio di infezioni. Per prima cosa è indispensabile evitare il contatto diretto con le proprie lesioni, se già presenti e, a maggior ragione, con quelle altrui. Non si consiglia poi di camminare a piedi nudi in piscina o negli spogliatoi, condividere asciugamani, ciabatte e oggetti per la cura personale.

Requisiti igienico-ambientali delle piscine
La prevenzione passa, oltre che dai comportamenti individuali, anche da quelli collettivi e dal rispetto delle norme igienico-sanitarie da parte dei gestori di luoghi pubblici e affollati, dove i germi possono facilmente proliferare.  La Disciplina Interregionale delle Piscine, del giugno 2004, contiene tutte le indicazioni utili in merito.

Prenditi cura di chi ami
Profilo Salute Prenditi cura di chi ami

Non ricordi mai i dati medici di chi ami? Crea il loro profilo salute: conservi le info e le consulti quando serve

Trova Farmacia
Trova farmacia Hai bisogno di una farmacia?

Ci pensa Uwell! Cerca le farmacie più vicine a te, ti indica gli orari, i servizi offerti e come arrivarci

Registrati a Uwell! Ogni giorno contenuti personalizzati per condurre una vita sana