Cerca
Back Torna agli articoli
Share Save
Aria nello stomaco: cause, sintomi e rimedi

L’aria nello stomaco è un disturbo molto diffuso dell’apparato digerente che riguarda il 15% circa della popolazione mondiale ed è, spesso, causa di disagi. La presenza di ‘aria’ nello stomaco è dovuta da un lato all’introduzione di aria dalla bocca, dall’altro alla formazione di gas a livello del colon per effetto dell’azione dei batteri (flora intestinale) sul cibo mediante il processo della fermentazione; il gas che si forma nel colon, infatti, può risalire nello stomaco e provocare gli stessi disturbi dell’aria vera e propria. L’aria nello stomaco viene espulsa in due modi: risale dal tratto digestivo e fuoriesce dalla bocca attraverso le eruttazioni, oppure viene espulsa mediante emissioni dall’ano, note come flatus.

Le cause dell’aria nello stomaco

L’accumulo di aria nello stomaco è dovuto principalmente all’introduzione eccessiva di aria (ossigeno, azoto e anidride carbonica) attraverso la bocca e, in misura minore, alla produzione di gas (idrogeno e metano) durante la fermentazione del cibo ad opera dei batteri intestinali. L’aria eccessiva viene eliminata dalla bocca o dall’ano. L’aria nello stomaco non è di per sé un disturbo preoccupante, ma può essere fastidioso. Nei dettagli, le cause di cui abbiamo parlato possono essere riconducibili ad atteggiamenti sbagliati, come, ad esempio:

  • abitudini alimentari sbagliate: mangiare di fretta, parlare mentre si mangia, utilizzare cannucce per bere, causano una eccessiva introduzione di aria;
  • eccessivo consumo di fibre alimentari, che provocano fermentazione con produzione di gas;
  • masticare chewing-gum: causa una introduzione eccessiva di aria nell’organismo;
  • bere bevande gassate: sono ricche di zuccheri che fermentano e di gas come l’anidride carbonica;
  • abitudine al fumo: inspirare fa entrare aria nell’organismo;

Di conseguenza, è maggiore la probabilità di introdurre aria nello stomaco in eccesso. Altre cause includono condizioni di salute che possono contribuire alla formazione di gas come, ad esempio:

  • malattie croniche intestinali: diverticolite, colite ulcerosa o morbo di Crohn;
  • eccessiva crescita batterica a livello dell’intestino tenue;
  • intolleranze alimentari: lattosio (lo zucchero del latte, non digerito a causa dell’assenza di un enzima, che riguarda il 70% circa della popolazione mondiale) e glutine o sensibilità al glutine non celiaca;
  • stitichezza: può ostacolarne il passaggio. 

In alcuni casi, però, il meteorismo può essere segnale della presenza di altre problematiche gastro-intestinali: sindrome dell’intestino irritabile, dispepsia (disturbi di digestione), stipsi (stitichezza) o essere correlato a fattori psicologici come ansia, depressione e insonnia (condizione detta somatizzazione). Alcuni alimenti possono provocare formazione di gas, come ad esempio i fagioli o altri alimenti ricchi di amido tra cui cavoli, rape, verza, broccoli e cereali integrali. Inoltre, alcuni dolcificanti ipocalorici, in particolare gli zuccheri alcolici, come mannitolo, xilitolo e sorbitolo, presenti in caramelle, confetti, chewing gum, possono provocare formazione di gas.

I sintomi dell’aria nello stomaco

I sintomi possono essere lievi e passeggeri, oppure cronici. Tra i più comuni, troviamo:

Questi sintomi possono essere anche accompagnati da rumori intestinali percepiti o eruttazioni.

Rimedi per contrastare l’aria nello stomaco

Per evitare di accumulare troppa aria nello stomaco, è sufficiente adottare alcuni accorgimenti, come, ad esempio, masticare il cibo lentamente e non ingoiarlo troppo velocemente, ridurre lo stress quotidiano, praticare regolare attività fisica. Vi sono anche alcuni rimedi naturali utili per eliminare l’aria in eccesso, come: 

  • l’aceto di sidro di mela che, per la presenza di alcuni enzimi, facilita la digestione aiutando a eliminare l’aria in eccesso; 
  • lo zenzero, che ha un effetto carminativo, aiuta a espellere il gas intestinale e accelera lo svuotamento gastrico; 
  • il carbone vegetale, che ha un’alta capacità di assorbimento, che lo rende un rimedio efficace per eliminare l’aria in eccesso e ridurre il gonfiore; 
  • tisane carminative, a base di semi di finocchio, cumino e aneto bevute dopo i pasti. 

Infine, può essere utile assumere probiotici, presenti in commercio in vari formati, che contribuiscono a mantenere l’equilibrio della flora intestinale, utile al processo digestivo. Possono essere utili anche alcuni farmaci da banco che assorbono i gas intestinali riducendo così il meteorismo, ma anche farmaci antiacidi e integratori che regolano la motilità gastrica.

Fonti

  • Manichanh C, et al., Anal gas evacuation and colonic microbiota in patients with flatulence: Effect of diet, Gut, volume 63, issue 3, pages 401–408, 2014.

    https://doi.org/10.1136/gutjnl-2012-303013
  • Azpiroz F, et al., Effect of a low-flatulogenic diet in patients with flatulence and functional digestive symptoms, Neurogastroenterology and Motility, volume 26, issue 6, pages 779–785, 2014. 

    https://doi.org/10.1111/nmo.12324
Ultimo aggiornamento:06-05-2020

Ultimi articoli pubblicati