Icona ok L'articolo è stato aggiunto ai tuoi preferiti Icona chiudi ok
back icon Torna agli articoli
Ragazza con frutta durante picnic

L’estate è la stagione del bel tempo, del divertimento e… Delle alte temperature! Soprattutto nelle giornate più calde e afose, ci si deve difendere dal rischio di disidratazione e di colpi di calore. Secondo gli esperti, con il cambiamento climatico, le ondate di caldo estremo potrebbero presentarsi con una frequenza maggiore, cogliendoci magari impreparati.

Quali sono i soggetti più a rischio?
Il corpo disperde il calore in eccesso soprattutto attraverso la sudorazione. La presenza di un tasso di umidità molto elevato rallenta questo processo, che non basta più a garantire la dispersione del calore in eccesso e la regolazione della temperatura corporea. Alcune categorie di persone sono più vulnerabili, poiché i meccanismi di termoregolazione del corpo possono essere alterati; in particolare a soffrire più degli altri sono gli anziani, soprattutto se affetti da malattie cronichee i bambini molto piccoli, nei quali i sistemi di termoregolazione sono ridotti. Questi ultimi sono particolarmente soggetti al rischio sia di disidratazione, sia di aumento eccessivo della temperatura, soprattutto a causa della superficie corporea ridotta, che non permette una efficace dispersione del calore. A rischio può essere anche chi ha febbre alta e persone affette da malattie cardiache, polmonari, neurologiche croniche o diabete. In tutti questi casi è necessario adottare accorgimenti particolari. Per ridurre la temperatura del corpo e trovare un po’ di refrigerio può essere utile semplicemente fare docce e bagni tiepidi, oppure bagnarsi periodicamente viso e braccia con acqua fresca.

Come proteggersi dal caldo con l’alimentazione
In 
generale è consigliabile assumere una buona quantità di liquidi durante tutto l’arco della giornata, attenzione però alle controindicazioni legate a determinati problemi di salute, malattie cardiache o renali, epilessia o condizioni di ritenzione idrica. Gli anziani, in particolar modo, dovrebbero essere incoraggiati a bere anche in assenza dello stimolo della sete. Quando fa molto caldo, può essere utile:

  • consumare molta verdura come peperoni, pomodori, carote, lattughe, poiché sono ricchi di sostanze antiossidanti e offrono protezione nei confronti dei danni legati all’aumento della concentrazione di ozono nelle ore più calde;
  • consumare frutta fresca come agrumi, fragole e meloni, ricchi di acqua, vitamine e sali minerali
  • evitare le bevande ghiacciate;
  • evitare gli alcolici;
  • fare pasti piccoli, ricchi di frutta e verdura, distribuiti nell’arco della giornata.

Registrati a Uwell! Puoi ricevere ogni giorno contenuti personalizzati per imparare a condurre una vita sana e vivere meglio