Icona ok L'articolo è stato aggiunto ai tuoi preferiti Icona chiudi ok
Iscriviti a Uwell per gestire la tua salute Registrati
back icon Torna agli articoli
La circolazione in estate: come evitare il gonfiore alle gambe
Prenota un videoconsulto
Fai un videoconsulto su Uwell Prenota un videoconsulto

Se hai un dubbio di salute e poco tempo, non rimandare: scegli tu quando e con chi!

La circolazione del sangue in estate, per gambe e piedi, può diventare problematica. Spesso, infatti, con i primi caldi, gli arti inferiori tendono a gonfiarsi ma, se anche le scarpe più comode diventano troppo strette, significa che è il momento di correre ai ripari. Questi fastidiosi problemi non rappresentano solo un problema estetico, ma possono essere un sintomo di cattiva circolazione del sangue negli arti inferiori, che tende a peggiorare nella stagione calda.

Il ritorno venoso nelle gambe: un percorso controcorrente
Il sangue è continuamente pompato da un organo muscolare grande come un pugno, il cuore, la cui attività è indispensabile per la nostra vita. La funzione contrattile del cuore permette al sangue, una volta ossigenato a livello dei polmoni, di essere sospinto perifericamente nelle arterie, distribuendosi a organi e tessuti. Dopo aver ceduto ossigeno, il sangue deve tornare al cuore attraverso il sistema venoso. In particolare, il ritorno al cuore del flusso di sangue proveniente dalle gambe deve avvenire contro la forza di gravità. Normalmente, questo movimento è facilitato da vari fattori, come:

  • il buon funzionamento delle valvole a livello delle pareti venose, che favorisce il ritorno del sangue venoso verso il cuore;
  • la contrazione dei muscoli delle gambe e dei piedi, durante la deambulazione e l’esercizio, che svolge un effetto pompa, agevolando la risalita del sangue lungo il sistema venoso;
  • il mantenimento di una certa tonicità ed elasticità delle pareti venose.

Gonfiore alle gambe, un disturbo molto frequente nelle donne: perché?
I problemi legati a una cattiva circolazione sono frequenti, soprattutto nelle donne. L’eccesso di peso, la predisposizione ereditaria, la sedentarietà, una cattiva alimentazione, la gravidanza, l’uso di scarpe con tacchi troppo alti o, al contrario, troppo bassi tendono a favorire la comparsa di disturbi che tendono a peggiorare d’estate, come:

  • il gonfiore, la sensazione di pesantezza alle gambe e ai piedi;
  • i crampi notturni;
  • una sensazione di prurito o bruciore alle gambe.

Il cattivo funzionamento delle valvole venose, la perdita di elasticità delle pareti delle vene, l’assenza di movimento fisico, il mantenimento della stazione eretta o della posizione seduta in maniera prolungata ostacolano la risalita del sangue venoso, favorendo la dilatazione delle vene e il ristagno di sangue, peggiorando la circolazione. Il caldo tende a rendere più difficile il ritorno venoso, in quanto dilata le vene e aumenta la stasi venosa, rallentando la circolazione e favorendo la fuoriuscita di liquidi nei tessuti circostanti, con la comparsa di gonfiore. Come in un circolo vizioso, il ristagno di sangue tende a peggiorare la dilatazione venosa, favorendo lo sfiancamento delle pareti venose e ostacolando il buon funzionamento delle valvole venose. A lungo andare, i problemi di circolazione possono evolvere verso l’insufficienza venosa cronica, una condizione più severa in cui possono comparire delle vene varicose.

La salute delle gambe in estate: come migliorare la circolazione del sangue
Migliorare la circolazione delle gambe in estate è possibile: le vacanze, al mare o in montagna, rappresentano un’ottima occasione per prendersene cura, a patto di evitare di esporle per lungo tempo al sole o ad altre fonti di calore, come ad esempio l’acqua troppo calda o la sauna, e di non rimanere seduti o in piedi troppo a lungo. È possibile prendersi cura delle proprie gambe con alcuni accorgimenti, come:

  • praticare regolarmente attività come la marcia, la bicicletta, il golf, il nuoto o camminare con i piedi nell’acqua di mare, tutti esercizi che aiutano a migliorare la circolazione; 
  • indossare vestiti ampi e freschi e calzature comode a tacco medio (circa tre-cinque cm);
  • tenere le gambe sollevate nei momenti di riposo;
  • preferire una dieta leggera, ricca di frutta e verdura, ovvero di composti antiossidanti;
  • bere acqua a sufficienza e cercare di evitare il consumo di sale, di cibi piccanti o l’eccesso di alcool;
  • perdere i chili in eccesso;
  • fare esercizi per le gambe: anche la compressione elastica e i massaggi possono dare beneficio.

Il mondo vegetale è ricco di composti potenzialmente utili per la salute delle gambe, come ad esempio i flavonoidi estratti dal ribes nero, dal mirtillo o dalle foglie di vite rossa, reperibili sul mercato sotto forma di integratori, che possono aiutare a ridurre efficacemente il senso di gonfiore e di pesantezza.

Fonti

Ultimo aggiornamento 22-10-2019
Prenota un videoconsulto
Fai un videoconsulto su Uwell Prenota un videoconsulto

Se hai un dubbio di salute e poco tempo, non rimandare: scegli tu quando e con chi!

Trova Farmacia
Trova farmacia Hai bisogno di una farmacia?

Ci pensa Uwell! Cerca le farmacie più vicine a te, ti indica gli orari, i servizi offerti e come arrivarci

Registrati a Uwell! Ogni giorno contenuti personalizzati per condurre una vita sana