Icona ok L'articolo è stato aggiunto ai tuoi preferiti Icona chiudi ok
Iscriviti a Uwell per gestire la tua salute Registrati
back icon Torna agli articoli
Come disintossicare e depurare il fegato dalle tossine
Profilo Salute Prenditi cura di chi ami

Non ricordi mai i dati medici di chi ami? Crea il loro profilo salute: conservi le info e le consulti quando serve

Come un lavoratore instancabile, il fegato, in condizioni di salute, non dà segni di sé, svolgendo innumerevoli attività all’interno del nostro organismo:

  • produce la bile, le proteine, il glucosio e il colesterolo;
  • permette l’attivazione di alcuni farmaci;
  • metabolizza gli ormoni, i farmaci e le sostanze chimiche in generale;
  • ha un ruolo fondamentale nei processi di detossificazione.

Per capire l’importanza di quest’organo, è sufficiente pensare che quasi tutto ciò che assumiamo o inaliamo passa – presto o tardi – per il torrente circolatorio e arriva al fegato. Una vita frenetica, unita a disordini alimentari, stress, fumo e inquinanti ambientali, può affaticare e, a lungo andare, sovraccaricare il fegato, compromettendo la sua normale funzione fisiologica andando ad inficiare il lavoro di depurazione che svolge nel nostro organismo. I sintomi più comuni che possono indicare un malfunzionamento del fegato sono la stanchezza, la presenza di malesseri non ben definiti, i capelli grassi, una difficoltà digestiva continua e un gonfiore addominale. In tutti questi casi è consigliato un controllo dal proprio medico curante, al fine di escludere patologie gravi.

Come favorire l’eliminazione delle tossine dal fegato
Nell’antichità, per favorire l’eliminazione delle tossine e migliorare lo stato di salute del fegato, venivano osservati periodi di digiuno, a volte associati a trattamenti basati sull’assunzione di acqua. Oggi si possono adottare diversi rimedi che lo purificano e lo mantengono in buona salute:

  • assumere acqua termale ha un potere purificante;
  • una dieta ricca di fibre e un’idratazione costante facilitano l’eliminazione delle scorie;
  • un’alimentazione povera di grassi, alcool, carni rosse, zuccheri e ricca di alimenti antiossidanti, come la frutta e la verdura fresca, contribuisce a tenere a riposo il fegato;
  • una vita sana, non fumare e praticare attività fisica all’aperto lo mantengono in buona salute nel tempo;
  • alcune sostanze, come la colina, limitano l’accumulo di lipidi in questo organo e prevengono la steatosi epatica (o fegato grasso).

L’azione benefica di alcune piante
Alla buona salute del fegato possono infine contribuire anche alcune piante:

  • dal cardo mariano si estrae la silimarina, ad azione antiossidante ed epatoprotettiva, che contribuisce a stabilizzare le membrane cellulari, stimolare la sintesi di proteine e l’attività rigenerativa del fegato. Questa sostanza può aiutare inoltre a ridurre il danno epatico indotto dall’alcool, da virus e da tossine;
  • la fumaria officinale agisce regolarizzando il metabolismo epatico normalizzando la secrezione biliare;
  • il carciofo contiene cinarina, che stimola la secrezione di bile;
  • il tarassaco è utilizzato per le sue proprietà depurative.
Profilo Salute Prenditi cura di chi ami

Non ricordi mai i dati medici di chi ami? Crea il loro profilo salute: conservi le info e le consulti quando serve

Trova Farmacia
Trova farmacia Hai bisogno di una farmacia?

Ci pensa Uwell! Cerca le farmacie più vicine a te, ti indica gli orari, i servizi offerti e come arrivarci

Registrati a Uwell! Ogni giorno contenuti personalizzati per condurre una vita sana