Icona ok L'articolo è stato aggiunto ai tuoi preferiti Icona chiudi ok
back icon Torna agli articoli
Frutta su tavolo vista dall'alto

Meno in sovrappeso, più in movimento, ma con un’alimentazione non ancora equilibrata: ecco l’identikit degli adolescenti italiani nel loro rapporto con la nutrizione, tracciato dal Sistema di Sorveglianza HBSC (Health Behaviour in School-aged Children - Comportamenti collegati alla salute dei ragazzi in età scolare).

Le abitudini alimentari scorrette possono aumentare il rischio di patologie croniche, oltre a favorire l’aumento di peso. Dai dati è emerso che solo una bassa percentuale di studenti consuma frutta e verdura almeno una volta al giorno. Il valore più alto (22,7%) si registra tra le ragazze di 15 anni, mentre le più disattente sono le tredicenni (17,2%). I maschi sono i più “ribelli” alle buone abitudini e la situazione peggiora con la crescita: dal 14,3% degli undicenni si passa al 12,9% dei quindicenni. Nel complesso la percentuale di consumo di verdura e frutta è in aumento in tutte le classi di età e in entrambi i sessi, ma i valori sono comunque bassi e lontani dai consumi raccomandati.

È ancora scarso inoltre il numero di chi fa regolarmente la prima colazione, un pasto di particolare importanza. Se l’abitudine di saltarla è in calo tra i quindicenni, si ha un lieve peggioramento tra i tredicenni e gli undicenni di entrambi i sessi. Di base, questo pasto è evitato dal 21,7% delle ragazze e dal 16,1% dei maschi di 11 anni e queste percentuali salgono, progressivamente, fino ai 15 anni.

Entrambi i generi sembrano nel complesso più attenti alla linea. Nella fascia tra gli 11 e i 15 anni il sovrappeso diminuisce soprattutto negli undicenni (19% nei maschi e 13,5% nelle femmine), mentre l’obesità cala nei tredicenni (3,3% nei maschi e 1,3% nelle femmine).

Cresce infine il numero degli adolescenti che praticano attività fisica (un’ora di attività più di tre giorni a settimana). L’aumento è più sensibile tra gli undicenni, in particolare nei ragazzi (57,3%), rispetto alle ragazze (42,3%). Scende la quota di adolescenti che passa almeno tre ore davanti alla TV, ma sale quella di chi trascorre davanti a PC, smartphone o tablet più di tre ore al giorno.

Registrati a Uwell! Puoi ricevere ogni giorno contenuti personalizzati per imparare a condurre una vita sana e vivere meglio