Cerca
Back Torna agli articoli
Share Save
Il prurito: cause dermatologiche e rimedi per la riduzione

Una ricerca americana ha analizzato che il 20% delle persone soffre di prurito nel corso della propria vita. Nella maggior parte dei casi, in una percentuale che si aggira tra il 50 e il 90%, è legato soprattutto a motivi dermatologici; nelle persone affette da malattie sistemiche di vario tipo, invece, la percentuale varia dal 10% al 50%. In ogni caso, la patologia colpisce con una frequenza maggiore i pazienti anziani. 

Come viene percepito il prurito

La percezione del prurito avviene attraverso i neuroni, le cellule nervose, che conducono lo stimolo a bassa velocità attraverso le terminazioni nervose che lo fanno arrivare alla superficie cutanea. Alcune sostanze, tra cui istamina e serotonina, attivano queste terminazioni attraverso un circuito che parte dalle radici dorsali midollari, fino a raggiungere una regione del cervello chiamata talamo.

Le cause del prurito: sia dermatologiche che patologiche


La maggior parte delle forme di prurito sono di origine dermatologica, come, ad esempio, la xerosi, ovvero l’ispessimento cutaneo, la dermatite atopica o erpetiforme, l’orticaria, la psoriasi e le punture d’insetto. Vi sono però delle patologie degli organi sistemici che possono causarlo, come il rene nei soggetti affetti da insufficienza renale cronica o il fegato, con il prurito colestatico, ovvero l’accumulo dei sali biliari a livello della cute. Possono provocarlo anche malattie del sangue e della tiroide, il diabete o le neoplasie. Da non dimenticare, lo stress: di frequente infatti casi prolungati possono causare prurito. 

Qualche rimedio utile per ridurre la sensazione di prurito


La gestione del prurito deriva forzatamente dalla condizione clinica del paziente: occorre sempre stabilire se proviene da una causa dermatologica o da una malattia sistemica; nel primo caso il periodo di prognosi sarà più breve e la guarigione più veloce; nel secondo caso, la terapia da seguire è quella per la malattia stessa. In ogni caso, grattarsi di continuo può portare a xerosi cutanea, ovvero ispessimento della pelle e può peggiorare ulteriormente il prurito e il dolore. In generale per alleviare il prurito è consigliato: 

  • picchiettare la pelle pruriginosa e non grattarla, meglio ancora sarebbe premerla o massaggiarla utilizzando una crema grassa per idratare a fondo la cute;
  • porre un asciugamano umido sulla pelle o qualcosa di umido in generale, nei casi più persistenti un po’ di ghiaccio o acqua fredda sull’area irritata può dare sollievo;
  • asciugare la cute con un asciugamano pulito cercando di non sfregarla;
  • fare bagni e docce freddi o tiepidi, evitando accuratamente acqua eccessivamente calda, saponi o schiume alcaline; anche la durata può essere un fattore determinante: sarebbe meglio evitare di stare a contatto per troppo tempo con temperature elevate;
  • utilizzare regolarmente una crema idratante non profumata: sarebbe meglio fare a meno di saponi profumati, deodoranti o idratanti; nei casi in cui il fastidio sia molto intenso potrebbe essere utile farsi consigliare dal proprio medico di fiducia, o da un dermatologo, saponi a base di oli appositi;
  • tenersi lontani da sostanze irritanti; 
  • mantenere le unghie pulite, corte e lisce;
  • indossare abiti larghi di cotone, da evitare vestiti stretti di lana o tessuti sintetici;
  • se grattarsi è un impulso irresistibile, occorre farlo molto delicatamente, un sollievo può arrivare anche dal porre un cerotto sull’area irritata;
  • rinunciare a cibi piccanti, alcool o caffeina poiché possono peggiorare la sensazione di prurito; 
  • se il prurito è causato da un’allergia, utilizzare antistaminici orali e prodotti locali a base di corticosteroidi.
  • da ultimo, un trucco: cercare di non pensare al prurito ma distrarsi facendo movimento o sport.

Fonti

  • Tarikci N, Kocatürk E, Güngör Ş, Topal IO, Can PÜ, Singer R. Pruritus in Systemic Diseases: A Review of Etiological Factors and New Treatment Modalities. ScientificWorldJournal. 2015. 2015:803752.

    http://www.nhs.uk/conditions/Itching/Pages/Introduction.aspx
  • Chinniah N, Gupta M. Pruritus in the elderly - a guide to assessment and management. Aust Fam Physician. 2014;43(10):710-3.

  • Moses S. Pruritus. Am Fam Physician. 2003;68(6):1135-42.

Ultimo aggiornamento:04-05-2020

Ultimi articoli pubblicati