Icona ok L'articolo è stato aggiunto ai tuoi preferiti Icona chiudi ok
Iscriviti a Uwell per gestire la tua salute Registrati
back icon Torna agli articoli
Reflusso esofageo e rimedi naturali: dieta e attività fisica

Quando si parla di reflusso gastroesofageo, bisogna fare attenzione a etichettarlo subito come malattia: di per sé, infatti, è un fenomeno fisiologico. La risalita di una piccola quantità di contenuto dallo stomaco all’esofago, il condotto che collega la bocca allo stomaco, avviene diverse volte ogni giorno, senza che questo provochi per forza danni o sintomi. Quando però questi episodi diventano più frequenti e intensi, possono comparire i tipici sintomi della malattia da reflusso gastroesofageo (MRGE), come il bruciore di stomaco e il rigurgito acido, o la cosiddetta tosse da reflusso.

I classici rimedi per il reflusso gastroesofageo
Sebbene la malattia da reflusso sia sostanzialmente benigna, i suoi sintomi possono risultare decisamente fastidiosi, influendo negativamente sulla qualità di vita. Per questo spesso è necessario il ricorso a terapie farmacologiche, a cui però vanno accompagnate sane norme comportamentali. La terapia per la malattia da reflusso gastroesofageo prevede di solito l’utilizzo di farmaci anti-acidi, costituiti da miscele di sali insolubili di calcio, magnesio o sodio, in grado di tamponare chimicamente l’acidità dei succhi gastrici presenti nello stomaco. In molti casi, ai farmaci antiacidi si associano i cosiddetti alginati: grazie alla loro particolare composizione, formano una barriera protettiva che preserva l’esofago dal contatto con il materiale acido dello stomaco. Un’altra categoria di farmaci, molto importanti nei casi più gravi, soprattutto in presenza di esofagite erosiva, sono i cosiddetti farmaci anti-secretivi, che agiscono direttamente sulle cellule della mucosa dello stomaco, inducendole a ridurre la secrezione di acidi; tra questi, i più conosciuti sono gli inibitori di pompa protonica (IPP) o gli antagonisti dei recettori H2 dell’istamina. Queste terapie farmacologiche sono spesso assunte al bisogno; l’uso prolungato, soprattutto nel caso degli anti-secretivi, è sconsigliato. Per tale ragione, è importante sempre chiedere consiglio al proprio medico curante e intervenire anche su altri aspetti che possono influire su questo disturbo: vediamo quali.

Malattia da reflusso gastroesofageo: attenzione allo stile di vita!
Le modifiche allo stile di vita dovrebbero essere il primo intervento da prendere in considerazione da chi soffre di reflusso gastroesofageo. Molti studi hanno ormai confermato che l’eccesso di peso corporeo svolge un ruolo fondamentale nell’insorgenza della MRGE: la diminuzione del peso e della circonferenza addominale è infatti associata a un abbassamento dell’esposizione acida dell’esofago e, dunque, a una riduzione del reflusso dopo i pasti; di conseguenza, dieta ipocalorica e attività fisica regolare sono altamente consigliati per ridurre il peso corporeo. Un’attenzione particolare andrebbe poi rivolta al riposo notturno: chi soffre di MRGE dovrebbe mettere in atto tutti gli accorgimenti per mantenere un sonno regolare e continuo, ad esempio coricandosi con la testa lievemente rialzata. Per quanto riguarda le abitudini voluttuarie, è consigliato astenersi dal fumo e dal bere alcolici e caffè.

Alimentazione e stile di vita per evitare il reflusso
In realtà, non esiste una vera e propria dieta per il reflusso, ma alcuni accorgimenti sull’alimentazione, seppure basati su evidenze scientifiche meno solide, possono essere utili per diminuire i sintomi della MRGE. In linea generale, andrebbero evitati pasti troppo pesanti e ricchi di grassi prima di coricarsi. Tra i cibi da evitare, ricordiamo la cioccolata, gli agrumi, il pomodoro e le spezie, specialmente quelle piccanti, e i cibi grassi in generale.

Fonti

  • Gyawali, C.P., Fass, R., Management of Gastroesophageal Reflux Disease, Gastroenterology, volume 154, issue 2, pages 302–318, 2018.

    https://doi.org/10.1053/j.gastro.2017.07.049

  • Woodland, P., et al., Emerging therapeutic options in GERD, Best Practice and Research: Clinical Gastroenterology, volume 27, issue 3, pages 455–467, 2013.

    https://doi.org/10.1016/j.bpg.2013.06.006

  • Sleisenger and Fordtran's Gastrointestinal and Liver Disease, 10thEdition.

Ultimo aggiornamento 23-11-2019
Prenota un videoconsulto
Fai un videoconsulto su Uwell Prenota un videoconsulto

Se hai un dubbio di salute e poco tempo, non rimandare: scegli tu quando e con chi!

Registrati a Uwell! Ogni giorno contenuti personalizzati per condurre una vita sana