Icona ok L'articolo è stato aggiunto ai tuoi preferiti Icona chiudi ok
back icon Torna agli articoli
Rimedi contro la nausea: terapie naturali e farmacologiche

La nausea è una sensazione sgradevole di comune riscontro, che può avere un impatto importante sulla qualità della vita. Spesso è descritta come una spiacevole sensazione di dover rimettere e, in effetti, in alcuni casi può sfociare nell’imminente necessità di dover vomitare. Quando la nausea è forte, anche se non è seguita da vomito, può risultare invalidante, accompagnandosi a malessere e inappetenza.
La sensazione di nausea è modulata da molti fattori di tipo psicologico: in ogni singola persona sembra esistere una soglia dinamica per la sua comparsa, che varia continuamente ed è dovuta all’interazione tra più fattori caratteristici della persona, come ansia e ansia anticipatoria, senso di attesa e di adattamento. La soglia per la comparsa della nausea risulta infatti più bassa nelle persone ansiose. In uno studio condotto dai ricercatori dell’Università della Pennsylvania su volontari sani allertati (e quindi in attesa) della possibilità di dover subire sintomi della cinetosi indotti sperimentalmente (simili al mal d’auto o al mal di mare), produceva minori livelli di nausea e una attività gastrica più regolare rispetto ai volontari non allertati ma esposti agli stessi stimoli. In un altro studio, coloro che erano stati esposti a stimoli in grado di indurre la cinetosi via via più intensi sviluppavano un meccanismo di adattamento alla nausea in modo più efficace rispetto a coloro i quali non erano stati pre-esposti a questo genere di stimoli.

Cosa fare in caso di nausea? I sintomi associati e le circostanze che la generano
La nausea può manifestarsi per cause diverse e quindi di per sé non è specifica di qualche malattia: per combatterla è necessario esplorare le possibili cause che possono averla scatenata. La comparsa della nausea può richiedere anche la valutazione medica, in quanto questo sintomo può associarsi a numerose affezioni. I meccanismi che spiegano la comparsa della nausea sono complessi e vedono la partecipazione del sistema nervoso centrale, del sistema nervoso autonomo, di fattori psicologici e ormonali e dello stomaco. L’inquadramento medico di questo sintomo richiede un’attenta valutazione dei sintomi associati e delle circostanze che possono esserne alla base, come ad esempio:

  • un recente intervento chirurgico;
  • la presenza di malattie (ad esempio malattie del fegato, del cuore, del sistema digerente, o del rene);
  • l’assunzione di tossine, di alcuni tipi di farmaci (ad esempio chemioterapici), la radioterapia;
  • la presenza di eventuali infezioni;
  • la gravidanza;
  • la cinetosi (o mal di mare) o altre affezioni a carico del labirinto (parte dell’orecchio interno);
  • disturbi psicologici.

Idealmente, il trattamento ottimale della nausea richiede la correzione della causa che l’ha provocata. In pratica, non sempre è possibile correggere i fattori alla base della sua comparsa: si può, tuttavia, trattare questo sintomo con farmaci e altri rimedi in modo da renderlo sopportabile. È il caso, ad esempio, della nausea in corso di una gastroenterite virale, una evenienza frequente che può spesso essere alleviata con l’aiuto di rimedi naturali o di farmaci da automedicazione, con l’accortezza di:

  • leggere bene il foglietto illustrativo, e in particolare le eventuali contro-indicazioni, attenendosi alle modalità d’uso;
  • assumere il dosaggio più basso possibile;
  • non superare i 3-4 giorni di trattamento: consultare il medico se il disturbo tende a persistere.

I rimedi contro la nausea
Nell’ottica di alleviare questo fastidioso sintomo, possono risultare utili alcuni rimedi:

  • adottare una dieta leggera: in caso di nausea mattutina, può essere utile iniziare la giornata con qualche cracker, fare pasti piccoli e frequenti e cercare di bere tra un pasto e l’altro, evitando invece l’assunzione eccessiva di bevande quando si è a tavola. Da evitare inoltre i cibi troppo dolci o troppo grassi;
  • evitare i cibi elaborati, gli odori forti in cucina, l’alcool e il fumo di sigaretta;
  • consumare zenzero: secondo alcuni studi, 1 grammo di radice di zenzero fresco al giorno per quattro giorni può alleviare la nausea;
  • assumere vitamina B6;
  • seguire tecniche di rilassamento: rappresentano un rimedio sicuro, come del resto può essere utile uscire e camminare un po' all’aria aperta;
  • bere tisane di camomilla, di menta o di zenzero e limone: sono tra i rimedi naturali più utilizzati;
  • masticare un chewing gum alla menta o una caramella allo zenzero: a volte possono essere d’aiuto;
  • sottoporsi a acupressione o agopuntura;
  • l’aromaterapia: rappresenta un aiuto gradevole e efficace per la nausea; uno studio condotto su 184 pazienti ha riportato i benefici dell’uso di oli essenziali di zenzero e lavanda nel trattamento della nausea e del vomito post-operatori. Anche l’olio di menta piperita può essere un trattamento efficace.

Molte nausee sono passeggere ma pur sempre fastidiose, come quelle che si associano alle gastroenteriti di natura virale. Rimedi naturali, farmaci da banco o farmaci da prescrizione medica possono combattere la nausea in modo efficace, come ad esempio i farmaci procinetici, che accelerano lo svuotamento dello stomaco. In caso di farmaci da automedicazione, è opportuno chiarire eventuali dubbi con l’aiuto del farmacista, leggere attentamente il foglietto illustrativo e rivolgersi al medico se la nausea non passa dopo un paio di giorni.

Fonti

Ultimo aggiornamento 08-01-2020
Armadietto medicinali
Armadietto dei medicinali Sai che farmaci hai a casa?

Salvali nel tuo armadietto digitale: controlli i foglietti illustrativi e vieni avvisato quando stanno per scadere